Gli Usa nella «palude Afghanistan»

di Tommaso Andreatta

I talebani sono «apertamente attivi» sul 70% del territorio dell’Afghanistan, «una percentuale molto maggiore di quanto si registrava nel 2014, prima del ritiro delle truppe straniere dal Paese». In uno studio costato «mesi di ricerche» la Bbc ribadisce che gli insorti «controllano o minacciano» una fetta di territorio sempre più grande, come dimostrano i numerosi attacchi e attentati realizzati negli ultimi tempi. Al riguardo un portavoce del governo afghano ha però respinto le conclusioni del rapporto, assicurando che le forze di sicurezza afghane hanno il pieno controllo della «maggior parte delle aree del Paese».

La Bbc suggerisce inoltre che anche l’Isis è più presente e attivo che mai in passato, pur se meno forte dei talebani.

Una mappa pubblicata nello studio rivela che i militanti dell’Emirato islamico dell’Afghanistan hanno attualmente sotto il loro controllo 14 distretti (il 4% del totale) ed hanno «una attiva ed apertamente fisica presenza in altri 263 (66%)».

Nell’ultima settimana di gennaio in Afghanistan ci sono stati quattro gravi attacchi che hanno causato almeno 163 morti e oltre 300 feriti. È il bollettino di guerra riportato dall’agenzia Agi. Talebani contro i miliziani dello «Stato islamico».

Si tratta di una battaglia per il controllo del territorio. «Il califfato, avendo perso buona parte del proprio territorio tra Iraq e Siria, tenta infatti di conquistare nuovi territori dove vige già una stabilità precaria: dalla Libia, al Sinai, all’Afghanistan. I talebani, invece, che non sono mai stati alleati dell’esercito nero di Al Baghdadi, il sedicente califfo, non hanno alcuna intenzione di piegarsi. Anche per non ripetere l’errore già commesso in Siria quando il gruppo di Al Qaeda, da sempre alleato dei combattenti afgani, fu costretto a combattere contro l’Isis per continuare ad esistere».

Ed è sempre l’Agenzia giornalistica Italia a spiegare che quella in Afghanistan è la guerra più lunga mai combattuta dagli americani.

Il conflitto è iniziato nell’ottobre 2001. Il picco è stato raggiunto 10 anni dopo: nel 2011 sono stati schierati oltre 140 mila soldati di 51 Paesi.

Barack Obama e poi Donald Trump hanno annunciato il disimpegno ma le truppe a stelle e striscie sono ancora sul territorio, come peraltro quelle italiane, dopo quasi 17 anni.

«I talebani si imposero in Afghanistan dopo la caduta dei sovietici agli inizi degli anni Novanta e, dal 1996 al 2001, controllarono gran parte del Paese. L’invasione americana, in seguito agli attacchi dell’undici settembre, li costrinse a tornare alla guerriglia e a considerarsi di nuovo mujahedin che mirano alla creazione dell’emirato islamico dell’Afghanistan. Per riaffermarsi come unico gruppo combattente, temendo di cedere terreno ai foreign fighter dello Stato islamico che si stanno spostando più a oriente per portare avanti il proprio sogno di creazione di un califfato, hanno portato a termine una serie di feroci attentati».

E adesso? Al momento non ci sono reali segnali di ritiro, nonostante gli annunci passati e presenti. Il punto della situazione lo fa Sputnik:

«I giornalisti americani ricordano che la politica Trump ha già portato ad un aumento del numero di soldati in questa regione, fino ad 8500, al momento della sua entrata in carica, attualmente sono 14mila. Il presidente USA ha anche revocato le restrizioni per l’utilizzo dei caccia americani, innescando l’aumento in questo inverno del numero di attacchi armati dei Talebani. All’inizio di gennaio, il capo del comando Centrale Usa, il generale Joseph Votel ha riferito che gli Usa hanno intenzione di concentrarsi su operazioni offensive in Afghanistan, svolte dalle forze locali, per ottenere un cambiamento della situazione».

«Il Pentagono – scrive Sputnik – sta sviluppando un piano, secondo il quale il contingente americano in Afghanistan in un prossimo futuro potrebbe aumentare di un migliaio di soldati».

 

 

 

 

https://it.sputniknews.com/mondo/201801235551035-militari-usa-afghanistan-numero-contingente-di-stanza-pentagono/

https://www.agi.it/estero/al_qaeda_contro_isis_controllo_afghanistan-3428370/news/2018-01-30/

http://www.ansa.it/sito/notizie/mondo/asia/2018/01/31/talebani-attivi-in-70-afghanistan_af366fe6-2410-4fec-8612-dc1dde59151d.html

Tags:

Ads

You May Also Like

Sanzioni Onu e minaccia atomica

di Tommaso Andreatta Minacce ricambiate. E con gli interessi. Prosegue il braccio di ferro ...

Tunisia, i giovani contro il governo

di Andrea Tomasi L’onda rivoluzionaria ha un nome evocativo: «Che cosa aspettiamo?». Giovani contro ...

Il Kenya muore di fame

di Tommaso Andreatta Ogni anno muoiono 3 milioni di bambini. 250.00 decessi al mese, ...