Timori per i civili di Idlib

Cresce la preoccupazione per profughi e residenti in vista di un attacco imminente alla città siriana

In vista di una nuova offensiva congiunta russo siriana sulla città settentrionale di Idlib crescono le preoccupazioni delle organizzazioni umanitarie: la città ospita circa tre milioni di persone, di cui circa la metà sono ribelli e civili trasferiti in massa da altre aree come Aleppo, Ghouta orientale e Deraa dopo che queste zone sono cadute in mano alle forze filo-governative siriane.

In una conferenza stampa a Mosca con il suo omologo siriano Walid al-Muallem, il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov (nell’immagine a sinistra) ha sostenuto che che la maggior parte della Siria è ormai stata ripulita dai dai terroristi con l’eccezione di  Idlib, città al confine nord-orientale con la Turchia che appoggia alcuni gruppi ribelli nell’area e che dovrebbe garantire una “zona di riduzione dell’escalation” concordata con ad Astana in Kazakistan con le forze presenti sul terreno. L’attacco potrebbe essere imminente.

La fotonotizia di copertina è tratta da un filmato di Al Jazeera

Tags:

Ads

You May Also Like

L’ultima sfida di Ortega

Il Nicaragua potrebbe diventare il detonatore di un’epidemia (ignorata) e di una recessione economica devastanti per tutta l’America Centrale

di Adalberto Belfiore Il presidente Ortega da un mese non si mostra in pubblico. ...

L’inizio della fine delle armi nucleari

Martedi 9 luglio a Milano la prima Italiana del film documentario  prodotto da Pressenza e realizzato da Álvaro Orús e Tony Robinson

La prima Italiana del film documentario L’inizio della fine delle armi nucleari, prodotto da ...

«Ecco perché ci facciamo esplodere»

di Ilario Pedrini Come nasce l’Isis? Perché si sta assistendo ad una serie di ...