Yemen, nuovo raid. Decine di bambini uccisi

Si ripetono i bombardamenti della coalizione a guida saudita. Con l'ennesima strage

Nuovo bombardamento in Yemen dove, secondo fonti yemenite,  almeno 22 bambini e quattro donne sono stati uccisi da raid aerei in un campo per sfollati nella regione di Hodeidah. L’agenzia Saba (huthi) riferisce – scrive oggi Al Jazeera – sostiene che  i jet  dell’alleanza militare a guida saudita – che è in guerra con i ribelli huthi dal marzo 2015 – hanno preso di mira il campo degli sfollati di Al-Kouai, Duraihami, che si trova a circa 20 chilometri dalla città portuale strategica sul Mar Rosso di Hodeidah.

Hussein al-Bukhaiti, un attivista pro-huthi con sede nella capitale  Sanaa e citato dall’agenzia, ha detto che il primo attacco ha colpito un villaggio di Duraihami, “uccidendo cinque persone e ferendone altri due”, mentre il secondo ha ucciso 26 donne e bambini che hanno tentato di salire su un autobus per fuggire. Il secondo attacco lo ha colpito uccidendo tutti i passeggeri.

Qui sotto il video (inglese) trasmesso dall’agenzia del Qatar (le immagini contengono scene di violenza). I raid non sono purtroppo una novità e così la morte di minorenni. Agli inizi di agosto un bombardamento aveva fatto in Yemen altre decine di vittime tra giovanissimi studenti.

 

Tags:

Ads

You May Also Like

Nagorno-Karabakh: cercasi soluzioni

Con il riaccendersi del conflitto, si torna a parlare delle possibili strade per la pacificazione. Un'intervista a Mario Raffaelli ex capo della conferenza di pace tra Armenia e Azerbaigian del 1992

di Danilo Elia Il suono delle bombe in Nagorno-Karabakh fa da contraltare al silenzio ...

Un pianeta di sfollati

L'allarme dell'Unhcr  nella Giornata Mondiale del Rifugiato

L’UNHCR, l’Agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati, fa appello ai Paesi di tutto ...

La resa dei conti di un passato disumano

Lo Stato di Bosnia ed Erzegovina in futuro dovrà risarcire le donne vittime degli stupri sessuali subiti durante la guerra dal 1992 al 1995

di Edvard Cucek Il caso è partito e potrebbe diventare “Il Precedente” dopo che ...