67 anni fa nascevano le Nazioni Unite, ma il mondo e’ ancora in guerra

Il 24 ottobre del 1945 entrava in vigore la Carta delle Nazioni Unite. A distanza di 67 anni da quel giorno, la pace, la sicurezza e il rispetto dei diritti umani sono obiettivi ancora lontani e il mondo e’ ancora in guerra.
Ricordare questa data e la nascita delle Nazioni Unite e’ una occasione per riflettere sulla necessita’ di riformare al piu’ presto un organismo che ha mostrato nel tempo contraddizioni profonde e in troppe occasioni, una inadeguatezza nel prevenire e gestire le crisi internazionali, ma che resta per i popoli uno strumento importante, da salvaguardare e rilanciare.

“Noi, popoli delle Nazioni Unite – si legge nella premessa dello storico documento -, decisi a salvare le future generazioni dal flagello della guerra, che per due volte nel corso di questa generazione ha portato indicibili afflizioni all’umanità, a riaffermare la fede nei diritti fondamentali dell’uomo, nella dignità e nel valore della persona umana, nella eguaglianza dei diritti degli uomini e delle donne e delle nazioni grandi e piccole, a creare le condizioni in cui la giustizia ed il rispetto degli obblighi derivanti dai trattati e alle altri fonti del diritto internazionale possano essere mantenuti, a promuovere il progresso sociale ed un più elevato tenore di vita in una più ampia libertà, a praticare la tolleranza ed a vivere in pace l’uno con l’altro in rapporti di buon vicinato, ad unire le nostre forze per mantenere la pace e la sicurezza internazionale, ad assicurare, mediante l’accettazione di principi e l’istituzione di sistemi, che la forza delle armi non sarà usata, salvo che nell’interesse comune, ad impiegare strumenti internazionali per promuovere il progresso economico e sociale di tutti i popoli, abbiamo risoluto di unire i nostri sforzi per il raggiungimento di tali fini…”

qui il testo completo della Carta delle Nazioni Unite  http://www.unric.org/it/documenti-onu-in-italiano/19

Tags:

Ads

You May Also Like

Se anche i buddisti sono violenti

di Ilario Pedrini «Non è il momento per la calma. È il momento di ...

Profughi, il blocco franco-tedesco

di Tommaso Andreatta Serve un sistema di asilo europeo. Lo dicono a giorni alterni ...

L’Africa, Internet e la censura

Dati, episodi, fatti, che raccontano della “repressione digitale” nel grande continente