Adunata degli Alpini, la guerra in mostra

Si smette di sparare, ma non c'è veramente pace. E i conflitti rischiano di scoppiare di nuovo, come le fiamme riemergono da sotto la cenere. A Trento gli Alpini sono in adunata nazionale. A pochi chilometri una mostra interattiva mostra gli effetti dei conflitti

Mentre a Trento tutto è pronto per l’Adunata Nazionale degli Alpini, a pochi chilometri di distanza si parla degli effetti delle guerre, di quelle del passato e di quelle presenti. È un’esposizione diversa da quelle viste finora: un misto di ragionamento ed emozione. E un messaggio chiaro: troppo spesso i trattati di pace non sono serviti, sono rimasti sulla carta e le guerre si sono replicate. È uno spazio sul futuro, una finestra su cosa sta succedendo nel Mediterraneo, dove i barconi di disperati (in fuga dalla morte) e dove volano gli aerei bombardieri. Ci sono anche i droni killer, gli aerei senza pilota delle forze armate americane, che partono da Sigonella.

Non c’è pace dopo la guerra. Lo sanno i civili che la violenza dei conflitti l’hanno subita sulla pelle. E lo sanno anche quei militari che tornano nei luoghi delle battaglie, dopo che si è smesso di sparare. Lo sanno anche tanti alpini che a Trento parteciperanno alla grande adunata nazionale.

NO WAR – NO PEACE (Non c’è pace dopo la guerra) è il titolo della mostra allestita presso il Museo dell’Alto Garda (MAG) a Riva del Garda.

Promossa dall’Associazione 46° Parallelo – Atlante delle Guerre e dei Conflitti del Mondo, la mostra è un viaggio nella storia passata e recente: una passeggiata al piano terra della Rocca di Riva, nella nella cartina geografica di un pianeta che non riesce a trovare vera pace.

E poi ci sono fotografie di Fabio Buciarelli e installazioni video. Su maxi schermi si trovano anche le video-interviste al professor Giovanni Scotto (Università di Firenze) e della professoressa Chantal Meloni (Università di Milano). Le fotografie sono di Fabio Bucciarelli.

Scotto parla delle macerie sociali rimaste dopo gli interventi bellici nell’ex Jugoslavia, dove la pace imperiale è solo assenza di bombe.

Meloni parla dell’utilizzo dei droni killer in aree geografiche molto vicine a noi, dove però formalmente non ci sono guerre in corso.

L’uso degli aerei senza pilota pone la questione della violazione sistematica dei diritti umani.

L’Italia – spiega la docente – ha siglato un accordo con gli Stati Uniti per l’uso dei droni armati. Ha concesso l’utilizzo della base di Sigonella, ma formalmente non si sa nulla di questo “contratto” e il governo finora si è appellato al “segreto di Stato”. Intanto però i civili in alcuni Paesi muoiono nell’indifferenza generale. C’è anche una vittima italiana.

Se questa 91° Adunata degli Alpini intende svolgersi nel solco della pace, la mostra al Museo di Riva del Garda si interroga proprio sul significato della parola pace e su cosa comporti in verità la fine di una guerra.

La mostra NO WAR NO PEACE, pilastro imprescindibile del progetto Guerre e Pace. 1918-2018, pone di fatto la questione dello status di “non pace” che caratterizza infiniti scenari post-bellici, a partire da quel 1918 fino ai nostri giorni.

Le installazioni – costituite dalle immagini del fotoreporter Fabio Bucciarelli, dalle strutture evocative create dallo studio di architettura Weber/Winterle, da video storici, interviste e materiale di approfondimento consultabile attraverso touch screen e realizzato dal gruppo di lavoro di Atlante delle Guerre e dei Conflitti del Mondo – richiamano i diversi e così simili “dopo” che accomunano i momenti della fine dei conflitti, raccontano la contraddizione della fine della guerra senza costruzione della pace, in una linea di continuità e di rimandi che si dispiega per un intero secolo.

La mostra è realizzata in collaborazione con Associazione 46° Parallelo – Atlante delle Guerre e dei Conflitti del Mondo, a cura di Andrea Tomasi e Claudia Gelmi su un progetto di Raffaele Crocco.

Tags:

Ads

You May Also Like

Ue armata, settecento firme dicono no

Alcune centinaia di ricercatori e studiosi si oppongono al programma di ricerca militare dell'Unione europea con la petizione “Researchers for peace”

E’ stata lanciata oggi da una coalizione di organizzazioni del mondo scientifico e del ...

Dittatura Turca

di Tommaso Andreatta La Turchia non smette di stupire. Nuovi arresti di massa da ...

E’ sempre il silenzio il nemico della pace

Di Raffaele Crocco Santo Stefano, 26 dicembre 2015: nelle Filippine, nell’isola di Mindanao, almeno ...