Afghanistan, ancora morte dal cielo

L'ennesimo raid aereo colpisce un  matrimonio. E il ministero della Sanità pubblica i dati sulle vittime civili: oltre 3.300 morti negli utlimi 12 mesi

Negli ultimi 12 mesi in Afghanistan 3.300 civili hanno perso la vita. Una strage infinita che anche domenica ha visto l’ennesimo episodio a danno della popolazione della campagne afgane durante un matrimonio, il giorno della festa per eccellenza nella vita di ogni afgano.

Oltre una decina secondo la stampa locale, una quarantina secondo altre fonti. E’ questo il bilancio dell’ennesima strage che inonda di sangue le campagne afgane. Ma non sono talebani. Come già una settimana fa, è un raid aereo che domenica sera, nel tentativo di colpire un nascondiglio della guerriglia, irrompe su un matrimonio nel distretto di Musa Qala nell’Helmand. A un pugno di giorni dalle elezioni si intensifica la guerra senza esclusione di colpi e gli inevitabili effetti collaterali: Abdul Majed Akhand, vice consigliere provinciale, sostiene che la maggior parte dei morti sono donne e bambini che partecipavano alla cerimonia. “Circa 40 persone sono state uccise e altre 18 ferite e portate in ospedale”, ha detto all’agenzia di stampa Afp. “Tutte le vittime erano civili”.

Così, i bollettini di guerra col numero dei miliziani uccisi lo stesso giorno (14 tra cui sei “stranieri” secondo il governatorato locale ma assai di più secondo il ministero della Difesa) e i tre civili ammazzati ieri a Farah da un bomba piazzata lungo la strada impallidiscono di fronte alla brutalità di raid assai poco chirurgici che continuano a sbagliare obiettivo. La responsabilità diretta ricade sull’aviazione afgana ma sono i consiglieri americani a indirizzare gli attacchi aerei con droni, elicotteri o caccia. Se va bene viene aperta un’inchiesta e se va bene arriva una conferma delle vittime come nel caso del raid del 19 settembre che ha ucciso almeno 30 contadini nella provincia di Nangarhar. Almeno altri 40 sono stati feriti.

Nelle stesse ore in cui si diffondeva la notizia del raid, il ministero afgano della Sanità pubblicava i dati relativi alle vittime della guerra negli ultimi 12 mesi. Sono i più alti mai fatti: oltre 3.300 civili morti e oltre 14.600 feriti ( dal 16 settembre scorso al 10 settembre 2019). “Il nostro sistema è attivo in tutte le 34 province”, ha detto Mir Lais Mustafa, capo del dipartimento di risposta agli incidenti del Centro di comando e controllo a ToloTv. Ma il rapporto non entra nello specifico delle colpe: l’unico dato riguarda i kamikaze, responsabili di 460 persone uccise e 1.200 ferite.

(Red/E.G.)

Tags:

Ads

You May Also Like

Bassa affluenza e 400 attentati nel voto afgano

Meno di un quarto degli aventi diritto ho potuto (e voluto) scegliere il nuovo presidente. E le accuse di brogli sono già iniziate

Giuliano Battiston ed Emanuele Giordana Meno di un quarto  degli oltre nove milioni e ...

Caos nella Repubblica Centrafricana

Un processo elettorale difficile e contestato si unisce all'estrema insicurezza. Poche aree del Paese sono sotto il controllo del rieletto presidente Touadéra

L’eredità della guerra in Laos

I laotiani non possono dimenticare il conflitto nel Vietnam degli anni Settanta che li coinvolse facendo diventare la loro terra il Paese più bombardato al mondo. Un passato che pesa ancora. Reportage

Dal nostro inviato nel Sudest asiatico Emanuele Giordana Nong Khiaw (Nord Laos) – Da Nong ...