Ancora 1.781 i dispersi per la guerra

Lo aveva annunciato a fine aprile 2012 il francese Xavier de Marnhac, capo di Eulex, la missione europea in Kosovo: 1.781, è il segno di una ferita ancora aperta nella memoria degli albanesi del Kosovo. Tanti sono, infatti, le persone che risultano ancora oggi disperse in conseguenza del conflitto armato del ’98/’99 in Kosovo, quando le forze serbe di Slobodan Milosevic e gli indipendenti albanesi dell’Esercito di liberazione del Kosovo (Uck) combatterono ferocemente tra loro, e naturalmente a danno anche della popolazione civile.

Parlando in occasione della “Giornata degli scomparsi” (28 aprile 2012), de Marnhac aveva dichiarato che Eulex assiste il Dipartimento di medicina legale del ministero della giustizia kosovaro nei suoi sforzi per stabilire la sorte degli scomparsi.

A questo scopo, sarebbero molto intensi i contatti con le associazioni dei familiari, con famiglie singole e con altre organizzazioni.  Ad oggi, a 12 anni dalla fine della guerra, quasi 300 resti umani sono stati restituiti alle famiglie. Sono stati esaminati migliaia di documenti e piu’ di 1.300 campioni ossei sono stati sottoposti alle analisi del Dna.

In questi giorni di fine maggio 2012, i media di Pristina fanno sapere che, presto, saranno aperte altre 35 fosse comuni in Kosovo nei pressi di Prizren, a Zhilivode, a Vushtrri, a Dren, a Gorozhup, a Obilic.

fonte: ANSA

Tags:

Ads

You May Also Like

Il Concorso fotografico dell’Atlante

War and Revolutionary Stories - sostenuto da Montura e Intersos -   è un'iniziativa  aperta a tutti i fotoreporter professionisti di ogni Paese che con il loro lavoro rendono visibili i  conflitti  mettendo in luce sia le cause sia le conseguenze della guerra

WARS – War and Revolutionary Stories – Prima edizione Termine di presentazione delle foto: ...

Disaccordo nucleare

Gli Usa lanciano un ultimatum all'Iran che Teheran considera irricevibile. La guida suprema Khamenei reagisce e l'Europa tenta una mediazione

di Alice Pistolesi Non si tratta solo di nucleare sì o nucleare no. L’accordo ...

Corea del Nord, bomba e apartheid nucleare

Intervista a Lisa Clark. Il trattato di non proliferazione nucleare per ora ci ha salvato dalla guerra nucleare. «Permette agli Stati Uniti, ma anche alla Russia, alla Cina, alla Gran Bretagna e alla Francia» di mantenere i loro arsenali senza alcuna ispezione e verifica esterna. «Ma la denuclearizzazione del pianeta non è un sogno»

di Andrea Tomasi Il pianeta, tutto il pianeta, può essere denuclearizzato. Non è un ...