Ancora in marcia per il Clima

Torna lo sciopero mondiale con l'adesione degli 'Scientists4future', oltre 23mila scienziati tedeschi, austriaci e svizzeri. 110 gli Stati coinvolti

La mobilitazione mondiale per il clima non si ferma e dopo il successo del 15 marzo torna con un nuovo sciopero mondiale. Oltre 110 nazioni hanno organizzato un evento per venerdì 24 maggio e in Italia, secondo il #FridaysForFuture Roma, sono 126 le città mobilitate. Il 15 marzo erano state un milione e mezzo di persone che avevano preso parte allo sciopero mondiale per il futuro, in oltre duemila città di 125 nazioni.

Ancora una volta, dall’appello della giovane attivista Greta Thunberg per la seconda giornata per il clima, sono decine le scuole medie inferiori e superiori, le associazioni ambientaliste e i gruppi che hanno aderito agli eventi.

Oltre al mondo giovanile e ambientalista ad unirsi al coro di chi sciopera ci sono anche oltre 23mila scienziati tedeschi, austriaci e svizzeri. Gli ‘Scientists4future’ hanno infatti dichiarato che “sulla base delle nostre conoscenze, affermiamo che le preoccupazioni sono giustificate e supportate dalla ricerca scientifica. Le misure attualmente applicate per la tutela del clima, della biodiversità, delle foreste, del mare e del suolo sono lontane dall’essere sufficienti”.

Qui la mappa interattiva con tutti gli eventi organizzati 

Tags:

Ads

You May Also Like

Iracheni ancora in piazza

Settimane di proteste represse nel sangue hanno provocato oltre 250 morti e migliaia di feriti. Il governo di Adel Abdul Mahdi sembra avere le ore contate

Il primo ministro iracheno Adel Abdul Mahdi si dimetterà se i partiti politici potranno ...

Afghanistan: battaglia all’ospedale, bombe sul funerale (nuovo)

Nella capitale e in altri distretti afgani attacchi kamikaze e bombardamenti sui civili. I Talebani si smarcano dall'attentato al nosocomio di  Kabul e al funerale nel Nangarhar

E’ di almeno  40 vittime e numerosi feriti il bilancio di ieri in Afghanistan ...

Venezuela, scontro alle frontiere

Alla vigilia della data prevista per la partenza dei convogli umanitari  dalla Colombia e per l'organizzazione di due concerti rivali, è sotto accusa la spettacolarizzazione e l’uso strumentale degli aiuti. Mentre la tensione al confine col Brasile  fa le prime vittime

Il 23 di febbraio – domani – è la data prevista per il tentativo ...