Bouteflika: pronto a lasciare ma intanto resta

Promette nuove elezioni a cui non si ricandiderà  e una revisione della Costituzione ma intanto rimane in piedi la sua corsa al quinto mandato

Il presidente algerino Abdelaziz Bouteflika è disposto a lasciare il potere ma solo fra un anno e senza annullare le elezioni presidenziali di aprile per le quali si è ricandidato per la quinta volta. Ha promesso infatti di convocare nuove elezioni ma solo dopo che si saranno svolte le consultazioni imminenti, come un comunicato diffuso dalla televisione di stato algerina ha fatto sapere. Il presidente, che è molto malato, governa dal 1999 e sta preparando una quinta corsa nonostante la pessima salute. I suoi piani hanno però scatenato giorni di proteste di massa in tutta l’Algeria, per due settimane consecutive ad Algeri e in altre città del Paese. Vi sono stati arresti, scontri e una vittima.

Nel comunicato diffuso e attribuito al presidente, Bouteflika dice di aver “ascoltato le suppliche dei manifestanti e in particolare di migliaia di giovani che hanno chiesto del futuro della nostra nazione”, e ha promesso l’organizzazione di una “conferenza nazionale” entro il primo anno del suo quinto mandato e una revisione della Costituzione. A questa seguirebbero nuove elezioni presidenziali a cui Bouteflika non si candiderebbe. Una promessa già fatta in passato ma mai messa in pratica.

L’immagine di copertina è tratto da un fotogramma di Deutsche Welle. In uno spezzone del repertorio, diffuso anche da altri organi di stampa, Bouteflika si reca a votare. Ma per mettere la scheda nell’urna avrà bisogno dell’aiuto di un’altra persona

Tags:

Ads

You May Also Like

Uccisa la ‘voce degli oromo’: scontri in Etiopia

Le proteste seguite alla morte del cantante Hachalu Hundessa hanno provocato almeno 240 vittime. Si teme la ripresa del conflitto tra comunità

Sono almeno 240, secondo il bilancio pubblicato dalla polizia l’8 luglio, le persone morte ...

Repubblica Centrafricana, pericolo genocidio

La Repubblica Centrafricana è al collasso. La guerra non accenna a finire e negli ...

Camerun: tentativi di dialogo

Il presidente ha organizzato una cinque giorni per mettere fine al conflitto e annunciato la liberazione di prigionieri separatisti, ma la Pace sembra ancora lontana

Il Camerun tenta il dialogo e per la prima volta dall’inizio della crisi riunisce attorno ...