Caccia all’uomo a Sri Lanka

Il pugno di ferro nell'isola dopo gli attentati di Pasqua sembra aprire una stagione di nuove stragi

di Emanuele Giordana

I corpi di 15 persone, tra cui sei bambini giacciono sul luogo di una feroce battaglia con armi da fuoco avvenuta questa notte in una città orientale dello Sri Lanka. Secondo la polizia c’erano tra  morti tre sospetti attentatori suicidi erano che avrebbero  fatto esplodere esplosivi, uccidendo anche tre donne e sei bambini, all’interno del “covo” vicino alla città orientale di Kalmunai.

E’ solo l’ultimo episodio di una caccia all’uomo nel dopo strage di Pasqua. Un episodio che non promette niente di buono. Del resto l’avvertimento è chiaro: stanarli casa per casa. E’ una strategia da emergenza nazionale – molto simile a quella impiegata nella guerra contro le Tigri tamil che volevano una regione autonoma nel Nord – la promessa del presidente dello Sri Lanka Maithripala Sirisena.

“Verranno controllati tutti i nuclei familiari del Paese e verranno stabiliti gli elenchi dei residenti permanenti di ogni casa per garantire che nessuna persona sconosciuta possa vivere da nessuna parte”. Casa per casa, in città e in campagna, la caccia è cominciata per far piazza pulita di chi potrebbe avere a che fare con gli estremisti islamici indicati come i colpevoli della strage di Pasqua rivendicata dallo Stato islamico. Nella foto pubblicata dagli uffici stampa del califfo l’unica figura a volto scoperto, insieme a sette “martiri”, è proprio il capo del National Thowheed Jamath, Zahran Hashim (aka Mohammed Zahran), predicatore radicale e supposta mente del gruppo di fuoco. Si è fatto saltare all’Hotel Shangri-La di Colombo durante gli attentati di domenica. Sirisena lo conferma e intanto si scusa per il buco nero nei servizi srilankesi che dipendono da lui. Lui che non ne sapeva niente così come il premier Ranil Wickremesinghe, anche lui all’oscuro di quell’informazione del 4 aprile – saltata fuori anche grazie alla pubblicazione di un memo di una settimana dopo – che metteva in guardia su possibili attentati.

Che l’intelligence e la polizia dell’isola siano in imbarazzo – pur essendo considerate di livello proprio grazie all’addestramento nella guerra alle Tigri – si capisce. Tutte le colpe vanno a loro. E la credibilità ha subìto l’ennesimo colpo quando le autorità han dovuto ammettere che avevano esagerato nel conto delle vittime: almeno cento in meno e cioè da 359 a 253. La sostanza non cambia ma la credibilità delle istituzioni, dai servizi alla polizia ma anche dalla presidenza al governo che ora si rimpallano la patata bollente dell’allerta inascoltato, ne vien fuori male. Anche perché tutto ha il sapore della polemica rivali politici.

Intanto il quadro si compone di piccoli puzzle: gli attentatori gli suicidi erano nove, otto dei quali sono stati identificati e tra loro c’era una donna. Da domenica gli arresti avrebbero superato quota 100 (140 secondo alcune fonti) 70 tra srilankesi e stranieri, tra cui pachistani, siriani, eggiziani. Molti forse solo con visto scaduto. Vengono diffusi identikit. E prima della strage notturna, ieri pomeriggio alcuni soldati sono stati coinvolti in un conflitto armato con sospetti dopo aver tentato un raid in un edificio nella provincia orientale del Paese. Nelle strade si passa al pugno di ferro e la strategia del governo militarizzerà ancor di più il Paese di quanto già non lo sia. Col rischio di non andar troppo per il sottile anche per riparare in qualche modo agli errori del recente passato.

E’ ciò che più teme la comunità musulmana che ha deciso che per ora la preghiera del venerdi si farà a casa e che le donne devono evitare il velo per rendersi riconoscibili. Sui social comincia intanto un’altra guerra: la France Press ha smentito che una sua foto di donne in burqa su Fb si riferisca allo Sri Lanka. E’ uno scatto di donne afgane manipolato in didascalia. Racconta bene i pericoli di una reazione scomposta alimentata ad arte contro la piccola minoranza musulmana.

Nella prima immagine il capo della National Thowheed Jamath, Zahran Hashim,. Sotto: la foto diffusa dall’Isis. Sotto ancora il falso scoperto su Fb dall’Afp

 

Tags:

Ads

You May Also Like

Cacciati dalla guerra

Oltre 70 milioni di persone  sono state sfollate in tutto il mondo l'anno scorso da conflitti, persecuzioni e violenze. La denuncia dell'Unhcr alla vigilia del  World Refugee Day

                            ...

Migrazione e accoglienza: il Meeting Internazionale Antirazzista

Ventitrè edizioni di Meeting Internazionale Antirazzista. Dal 28 giugno al 2 luglio l’ARCI è ...

Corea, cosa c’è nel mirino di Kim

di Ilario Pedrini Quali sono gli obiettivi della Corea del Nord. Non parliamo degli ...