Cagnoni Award: profondità e ricerca nel fotogiornalismo

Nicolò Filippo Rosso con EXODUS è il vincitore della seconda edizione del  premio internazionale di fotografia  nato in memoria del grande fotoreporter scomparso nel 2018

Nicolò Filippo Rosso con EXODUS è il vincitore della seconda edizione del Romano Cagnoni Award, premio internazionale di fotogiornalismo, promosso dalla Fondazione Romano Cagnoni. Menzioni speciali a Lorenzo Tugnoli e Mary Gelman. Il Premio, in collaborazione con Photolux Festival, è nato nel 2019 in memoria del grande fotoreporter scomparso nel 2018. L’idea alla base del premio è quella di sostenere i fotografi di tutto il Mondo, che indagano con profondità e partecipazione, i temi legati alla condizione umana, al cambiamento sociale e ambientale, alle crisi umanitarie e alla violazione dei diritti umani nel mondo. Il tema di quest’anno era: “Libertà”, perché il fotogiornalismo è innanzitutto una manifestazione della libertà di espressione e di movimento. “Attraverso la narrazione fotografica, la libertà – scrivono i curatori del Premio – diventa un ambito da indagare ulteriormente per documentare la sua presenza, la sua assenza e il cammino per ricercarla, come condizione che dovrebbe riguardare ogni essere vivente”.

 

EXODUS di Nicolò Filippo Rosso è stato considerato all’unanimità, quale progetto a lungo termine, che meglio ha saputo interpretare il tema proposto in tutte le sue sfaccettature. Una testimonianza che, da quattro anni, documenta un racconto vero e dinamico, in grado di riportare condizioni di diseguaglianza sociale, di mancato accesso ai diritti primari e di difficoltà estrema nell’acquisizione delle libertà fondamentali, che caratterizzano il fenomeno delle migrazioni in America Latina.

Quello di questa nuova edizione del Premio «è stato un percorso molto intenso – dice Patricia Franceschetti Cagnoni, Presidente della Fondazione Romano Cagnoni e della giuria del Romano Cagnoni Award – reso possibile grazie a collaborazioni già consolidate, come quella con il Photolux Festival e alle nuove, come quella instaurata con la piattaforma LensCulture. Fondamentale è stata la sinergia creatasi con i giurati, che conoscevano la figura di Romano Cagnoni e hanno saputo come coniugare le caratteristiche fondamentali del suo lavoro, con i progetti selezionati, davvero di altissimo livello e profondità. Questo è un premio nato con l’intento di supportare il fotogiornalismo nel mondo, caratterizzato da molti conflitti. Molti di questi sono nascosti, dimenticati o poco documentati, anche a causa della crisi che ha investito il settore del fotogiornalismo. Con il Romano Cagnoni Award ci proponiamo di supportare e coadiuvare i professionisti che con difficoltà documentano i conflitti nel mondo».

Gli oltre 100 progetti candidati, sono stati preselezionati da un comitato costituito in parte da membri della Fondazione Romano Cagnoni e in parte del Photolux Festival. I lavori selezionati, sono stati visionati dalla giuria internazionale di esperti, composta da: Martina Bacigalupo – 6MOIS, Elena Boille – Internazionale, Daria Bonera – DB Agency/CESURA, Patricia Franceschetti Cagnoni – Fondazione Romano Cagnoni, Jim Casper – LensCulture, Manuel Rivera-Ortiz – The Manuel Rivera-Ortiz Foundation, Moshe Rosenzveig – Head On Photo Festival.

Guerre e conflitti ad alta o bassa intensità – e quanto ne consegue o contribuisce a crearli – fanno purtroppo parte del lavoro dei fotogiornalisti. Il Premio sostiene la profondità di queste ricerche. In copertina: Nicolò Filippo Rosso e, sotto, un ‘immagine del lavoro di Mary Gelman e una di Lorenzo Tugnoli

Tags:

Ads

You May Also Like

Ue: l’ora delle sanzioni

L’Unione Europea ha deciso l’imposizione di misure restrittive a  Cina, Nord Corea, Libia, Myanmar Russia, Sud Sudan ed Eritrea

“Overshoot, il giorno in cui la terra finisce le risorse”

È andata in scena al Teatro La Limonaia di Villa Strozzi a Firenze la ...

Atlante delle guerre al Salone dell’editoria sociale

L’undicesima edizione si tiene a Roma dal 14 al  16 ottobre intorno al tema “Che fare? Pensiero e azione”. 33 tra editori e associazioni del terzo settore e della società civile. Il nostro stand assieme a Lettera22 e OgZero

Uno stand con due partner dell’Atlante, incontri sulla pace e sulla guerra e una ...