Cambia lo scenario. Signori, arriva la Turchia

Di Adel Jabbar

Durante la lunga storia del conflitto nel vicino Oriente si è assistito  ad una serie di sequenze di fatti cruenti  e drammatici  che hanno reso sempre più aggrovigliata la situazione e in un  certo senso perfino irrisolvibile. Le visioni delle parti per ovvie ragioni rimangono distanti: il Governo israeliano rimane ancorato ad una rigida dottrina della sicurezza ed è condizionato dai movimenti estremisti dei coloni, ciò di fatto, vanifica molti tentativi di  mediazione, la parte palestinese divisa politicamente e geograficamente è ancora più debole e tale debolezza  si trasforma  in una estrema fragilità nel momento in cui gli Usa ( che dovrebbero svolgere il ruolo mediatore nel presunto processo di pace) parteggiano, senza se e senza ma, a favore  di un solo contendente, ossia Israele. Inoltre, a mio parere, gli schemi con cui vengono ipotizzate le varie e molteplici “Road Maps” atti a spartire terre (che nel caso dei palestinesi non hanno ormai tanto da concedere)  e   a definire potenziali confini non rispondono più alla realtà concreta. Basta dare uno sguardo ai territori palestinesi della West Bank per constatare quanto tale area sia frantumata dalla presenza di numerose colonie israeliane. In questo quadro  diventa assolutamente difficile se non impossibile qualsiasi esercizio di sovranità da parte palestinese in un ipotetico futuro stato. Infine, le numerose risoluzioni, che condannano le politiche israeliane  nei confronti della popolazione palestinese emanate dall’Assemblea delle Nazioni unite, dal Consiglio di sicurezza, dal Consiglio per i diritti umani, dal Tribunale dell’Aja e  le numerose dichiarazioni di diversi organismi che si occupano dei diritti dell’uomo, non hanno scalfito minimamente l’atteggiamento dei Governi di Israele e nemmeno hanno inciso sulle posizioni degli Usa e dell’Ue, che rimangono  sostanzialmente accondiscendenti con la politica israeliana. Quindi,  continuare a richiamarsi a questi riferimenti pur necessari rischia di diventare solo esercizio  di  evocazione storica e in alcuni casi una mera retorica. Vale a dire che, come  sovente accade, rendere praticabili i riferimenti di diritto, in questo caso di natura  internazionale, dipende molto dai rapporti di forza in campo e dagli interessi in gioco. Perciò non risulta fino  ad oggi che ci sia un segnale da parte dell’unica super potenza e dei suoi alleati atto a trovare una possibile, giusta e pacifica soluzione del conflitto israelo-palestinese. A prova di ciò la minaccia degli Usa e di  alcuni i suoi alleati di votare contro la richiesta di ammissione della Palestina come Paese membro delle Nazioni Unite.

Scenario e cambiamento. 

Nello scenario attuale si ravvisano due fatti determinanti:

1- L’affacciarsi della Turchia nell’arena del Vicino Oriente sta cambiando sensibilmente lo scenario politico. Una significativa conseguenza di questo cambiamento è la presa di distanza dell’attuale compagine governativa in Turchia da Isreale, storico alleato nella zona, e l’avvicinamento alla parte palestinese. Ciò sta permettendo alla Turchia di giocare una ruolo molto dinamico e da protagonista nella vasta area del mondo arabo. Questo nuovo attivismo andrebbe tenuto in debita considerazione in ogni analisi, per la sua importanza negli equilibri geopolitici attuali e futuri.

2- Gli inaspettati stravolgimenti che stanno scuotendo molti dei Paesi dell’area araba  avranno certamente serie conseguenze sulle dinamiche politiche e sui rapporti di forza compreso il conflitto Israelo-palestinese.

In questo scenario sarebbe auspicabile tratteggiare dei nuovi percorsi in cui confluiscono diverse esperienze di convivenza  e  sensibilità non violente, presenti già  sia nell’ambito israeliano che palestinese, al fine di elaborare una prospettiva comune per inseguire un modello di coesistenza basato sul pluralismo, sull’uguaglianza di tutti i cittadini, sulla laicità e la democrazia.

Questa prospettiva richiede tanto coraggio e grande determinazione per la quale le società civili in Europa, e non solo, possono dare un contributo utile e necessario.

Tags:

Ads

You May Also Like

Siria senza pace

Un attentato a Manbij uccide ventuno persone mentre Turchia, curdi e Russia discutono del confine settentrionale. Alcune delle questioni più critiche nel Paese

di Alice Pistolesi Si fa sempre più intricata e critica la situazione sul confine ...

Una spina africana per Teheran

Il Marocco accusa l'Iran di armare il Polisario, che smentisce. L'intervista a un attivista saharawi di Wesa Times

Nel riassetto delle alleanze nel Vicino Oriente si inserisce anche la questione Sahara Occidentale. ...

In Italia il Freedom Theatre e la “resistenza culturale” palestinese

Generating cultural resistance: e’ questo il motto del Freedom Theatre, progetto nato nel 2006 ...