Canada, la vittoria di Trudeau

I liberali restano in sella. Perché Ottawa è così importante proprio in questo momento

Il leader liberale Justin Trudeau vincerà abbastanza seggi in questa 44a elezione generale per formare un altro governo di minoranza: è la previsione del desk di Canada  CBC News che stamane titola: I canadesi hanno rieletto un governo di minoranza liberale. Un titolo che ricorre su quasi tutte le aperture dei grandi portali di notizie internazionali. E, in questo momento, la riconferma di Trudeau è forse una notizia più importante della scontata riconferma di Putin in Russia. Il momento infatti è particolarmente delicato. E’ il suo terzo mandato.

Alla fine, il conteggio dei seggi finali potrebbe non sembrare molto diverso dalla composizione della Camera dei Comuni quando è stata sciolta all’inizio di agosto il che susciterà anche qualche domanda – dicono gli osservatori –  sul motivo per cui le elezioni sono state indette durante la quarta ondata della pandemia. Ma “Chiunque andrà al vertice del governo di di Ottawa, capitale nazionale e sede del governo federale, prenderà decisioni su questioni – scrive Jessica Murphy su Bbc – come il clima e il libero scambio, con cui  il prossimo governo canadese cercherà di approfondire i suoi partenariati economici”.  Vicende solo di casa?.

Il leader conservatore, Erin O’Toole aveva  affermato che avrebbe spinto  per unirsi a Stati Uniti, Regno Unito e Australia nel  patto di sicurezza recentemente annunciato (Aukus) e che tante polemiche sta sollevando. Era anche favorevole a perseguire il cosiddetto accordo commerciale di Canzuk con Australia, Nuova Zelanda e Regno Unito, una sorta di Ue economica dei Paesi anglosassoni. Trudeau e i liberali, al contrario, si sono impegnati ad approfondire i partenariati diplomatici, economici e di difesa nella regione Asia-Pacifico per ora escludendosi dall’alleanza (inglese) che si va sempre più formando.

(Red/Est)

In copertina: Trudeau

Tags:

Ads

You May Also Like

Acqua e petrolio: le proteste scuotono l’Iran

La mancanza di acqua cronica e una grave crisi economica portano in piazza gli iraniani: nelle strade scioperi, manifestazioni, slogan contro il governo

di Alice Pistolesi Mancanza di acqua cronica e una grave crisi economica scuotono gli ...

Il dietrofront del sultano

L’interferenza occidentale sul caso Osman Kavala fa infuriare il presidente della Turchia  Erdogan che minaccia l’espulsione di 10 ambasciatori. Ma che poi ci ripensa

di Filippo Rossi Il Presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha annunciato lunedì mattina che ...

Brasile, violenza olimpica

di Andrea Tomasi Tutto pronto (o quasi) per la festa a cinque cerchi. Le ...