Colombia: elezioni di sangue

Dopo la pace con la guerriglia, mafie e  paramilitari impongono la loro legge

L’omicidio di Karina García Sierra, candidata liberale a sindaco della cittadina di Suárez, nel dipartimento andino del Cauc), ha scioccato alcune settimane fa la Colombia. Non solo per le sevizie subite, ma perché la sua morte ha finito per spezzare la speranza di elezioni locali senza violenza. La frustrazione di questa aspettativa è stata chiusa pochi giorni dopo, quando è morto il candidato  a sindaco del Centro democratico di Toledo (Antioquia), Orley García e il conservatore Bernardo Betancourt, candidato di Tibú. Nessuna di queste tre morti rientra nella categoria dei fatti isolati, perché dopo 300 giorni dalla chiusura delle liste elettorali per le prossime elezioni locali, in media ogni tre giorni viene assassinato un leader politico, sociale o comunitario. Lo riferisce il periodico Semana di Bogotà, che dedica un ampia inchiesta al fenomeno.

Vittime di paramilitari nel 2005

Secondo i dati ufficiali, la violenza politica non discrimina per partito. Nello studio recentemente pubblicato dalla Peers Foundation, i politici dell’opposizione hanno messo il 29 percento delle vittime. Sono seguiti dal 26 percento dai leader dei partiti governativi, con il 18 percento membri di partiti indipendenti e il 27 percento non ha una chiara identità politica, perché appartengono a coalizioni o liste civiche.

L’ufficio del Procuratore generale e l’ufficio del difensore civico hanno messo in guardia sulla gravità del problema. In effetti, il mese scorso il secondo ha emesso un allarme elettorale sui comuni a rischio di violenza politica. Secondo l’entità ci sono 402 comuni a rischio, di cui 176 ad alto rischio e 78 a rischio estremo. I dipartimenti di Antioquia,  Chocó e Bolívar hanno il maggior numero di comuni a rischio estremo. Dopo il 27 luglio la situazione ha continuato a peggiorare. 

In meno di due mesi, 54 candidati sono stati vittime di violenza politica, 37 a candidati sindaci, 14 a consiglieri, due a governatori e uno all Parlamento. Come se ciò non bastasse, 40 hanno ricevuto minacce, cinque hanno subito attacchi e due sono stati rapiti: un candidato sindaco di Alto Baudó (Chocó) e un altro di Potosí (Nariño). Sono stati uccisi quattro candidati consigleri comunali e tre candidati a sindaco: a Versailles (Valle del Cauca), Betania (Antioquia), San Jacinto del Cauca (Bolívar) e Suárez (Cauca) del Centro democratico, Cambio radicale, de La U e liberale. A un mese e mezzo dalle votazioni ci sono già più candidati uccisi rispetto ai cinque del 2015, le elezioni locali più pacifiche dal 1985. “Non si può nemmeno dire che siano le elezioni più violente”, afferma Alejandra Barrios, direttore del MOE, “solo che l’ aspettativa di una diminuzione della violenza derivata dagli accordi di pace diminuirà”.

Durante una conferenza stampa sull’argomento, il presidente Iván Duque ha dato all’Unità nazionale di protezione 72 ore per soddisfare le richieste di scorte, auto blindate e altri meccanismi di protezione venute da 565 candidati. Attualmente, secondo tale entità, 1.140 sono già sotto protezione. E’ una misura difficile da rispettare. Pablo Elías González, il direttore dell’entità preposta del Ministero degli interni, ha  denunciato al Congresso limiti di bilancio, e che l’unità “non ha più auto blindate”.

Tutto ciò sfugge agli accordi di pace con le Farc, che nel 2015 avevano  iniziato la fase esplorativa in Ecuador per costruire un’agenda di dialogo tra il governo colombiano e l’ELN, l’Esercito di liberazione nazionale, dialogo poi  fallito.  Ma mentre esistevano prospettive di negoziazione, questo gruppo aveva  ridotto l’intensità dei suoi attacchi.

Per il clima di dialogo di allora, nel 2015, la violenza elettorale legata al conflitto aveva visto una diminuzione . Ma dal 2017, altri aspetti che hanno invertito questa tendenza hanno iniziato a guadagnare forza e hanno ridato slancio a questo  flagello nel 2019. Il principale riguarda la disputa tra gruppi armati – ELN, EPL, BACRIM (bande criminali), e neoparamilitari – per il controllo nei territori precedentemente dominati dal Farc. 

I BACRIM sono la terza generazione di organizzazioni colombiane per il traffico di droga (DTO, Drug traffick organizations). La prima generazione, la più nota al grande pubblico,  era composta dai cartelli di Medellin e di Cali. Questi cartelli erano organizzazioni gerarchiche integrate verticalmente con una struttura di comando chiaramente stabilita, che era in grado di gestire, in modo centralizzato, tutti i diversi collegamenti nella catena della droga, dalle coltivazioni alla distribuzione negli Stati Uniti.

La seconda generazione di DTO era formata da federazioni, composte da cartelli “di baby criminali”. Questi “cartelli di bambini”, simili alle maras centroamericane,  tendevano a specializzarsi in alcuni anelli della catena della droga. Il Cartello del Norte del Valle (NDVC), un’associazione di trafficanti di droga le cui radici affondavano nel cartello di Cali, ne era un esempio, così come lo erano le Forze di autodifesa della Colombia (AUC), formazioni anticomuniste armate. Né l’NDVC né l’AUC avevano un capo chiaro. Queste erano federazioni di trafficanti di droga e mafiosi che lavoravano insieme e, in molti casi, finirono per combattersi. Il ruolo crescente dei messicani significa che il potere di guadagno del BACRIM nel commercio di cocaina negli Stati Uniti non è che una frazione di quello delle organizzazioni di prima e seconda generazione del narcotraffico. Il BACRIM ora consegna ai messicani spedizioni di cocaina destinate al mercato statunitense, di solito in America Centrale (l’Honduras è uno dei principali punti di consegna.

I violentologi  – in Colombia esiste una vera e propria branca della sociologia che si occupa della violenza come fattore decisivo della vita sociale – concordano sul fatto che, come previsto, lo Stato ha impiegato molto tempo per raggiungere i luoghi dominati dai guerriglieri marxisti prima della firma dell’accordo. E ciò ha provocato un vuoto di potere di cui altri attori hanno approfittato. “Nel contesto di questo vuoto di potere, si può dire che, in qualche modo, stiamo tornando agli antichi scenari del conflitto armato, in cui diversi gruppi combattono per le fonti di reddito illegale di territori come il Sud di Cordova, Catatumbo o il nord del Cauca E di conseguenza, il conflitto ha un impatto sulla campagna elettorale “, osserva il direttore del MOE.

Gli attori illegali che occupano questi spazi sono di  ordine diverso, ma condividono diverse caratteristiche: si nutrono del traffico di droga e, più che di una struttura di comando centralizzata, operano federati, ma in modo isolato a livello locale. Ecco perché i suoi effetti si fanno sentire più nelle elezioni regionali che in quelle legislative. Ciò accade con i dissidenti che non hanno aderito all’accordo con le FARC, con diversi fronti dell’ELN, con l’EPL – che ha anche iniziato una fase di espansione – e con il bacrim. E anche con le organizzazioni neoparamilitari che, oltre al traffico di stupefacenti, esistono per opporsi con le armi alle azioni di restituzione della terra, e di sterminare degli ex combattenti della guerriglia.

A tutto ciò si aggiunge quel  che sta accadendo in Venezuela. “La rottura totale delle relazioni ha creato le condizioni affinché quel paese diventasse un santuario di diversi gruppi”, osserva il ricercatore Francisco Gutierrez. Ciò è stato dimostrato meno di un mese fa, quando Iván Márquez, Jesús Santrich e altri che non hanno rispettato l’accordo di pace hanno annunciato la loro decisione di tornare alle armi. In tutto il territorio venezuelano ci sono campi dell’ELN, dell’EPL e dei dissidenti FARC. Come ha rivelato Semana, questi gruppi non solo si preparano militarmente, ma addestrano le milizie venezuelane e i Colectivos  nelle tattiche e strategie di guerra. Le relazioni tra i gruppi in Venezuela e la violenza politica sono ancora poco chiare, ma la prospettiva di un “rifugio sicuro” favorisce le organizzazioni illegali in Colombia.

Il terreno fertile per la violenza politica è arricchito dal nuovo auge che  ha preso il traffico di droga. Questa attività, nonostante la diminuzione di mille ettari coltivati ​​a coca tra il 2017 e il 2018, è sempre più redditizia. Nel 2015, il chilo di coca nelle regioni produttrici si vendeva a $ 1.500. Oggi il prezzo siè triplicato. Lo stesso aumento della redditività si è verificato con il contrabbando e l’estrazione illegale di minerali. Quindi, qualsiasi candidato che incorpori nel suo discorso la lotta contro le mafie si candida anche all’omicidio.

di Maurizio Sacchi

nell’immagine iniziale, il monumento alla Pace e alla Memoria delle vittime della violenza in Colombia

Tags:

Ads

You May Also Like

Dal Camerun si fugge

Oltre 400mila persone hanno lasciato le proprie case nel territorio degli indipendentisti dell'Ambazonia, mentre il governo mette in carcere gli oppositori politici

di Alice Pistolesi Mettere in fila i problemi del Camerun non è cosa semplice. ...

Bombe su chi migra/Scontro al CdS (aggiornato)

Il raid in un centro di detenzione in Libia ha causato decine di vittime. Migliaia le persone ancora bloccate. Bachelet: "crimine di guerra". All'Onu si litiga sulle responsabilità

Un bombardamento aereo ha colpito un centro di detenzione di migranti a Tajoura alla ...

Il secolo cinese in Etiopia

di Ilario Pedrini L’Etiopia punta all’industrializzazione: il governo vuole uno sviluppo veloce, un punto ...