Compie vent’anni una legge ingiusta

Analisi di due decenni della Bossi Fini sulle politiche migratorie in Italia

di Raffaele Crocco

La questione è che in vent’anni non abbiamo davvero voluto smascherare la nostra collettiva ipocrisia. Vent’anni di Bossi Fini sulle “politiche migratorie in Italia” non sono bastati per raccontare la verità. Proviamoci, finalmente. Proviamoci dicendo che la Bossi Fini non definisce, come recitano convenzioni e racconti, le “politiche migratorie” dell’Italia. No, la legge voluta dal dagli allora leader di Alleanza Nazionale e Lega Nord, stabilisce semplicemente che nel nostro Paese nessuno può migrare. Nessuno, da allora, può venire in Italia in cerca di lavoro e futuro. Quella legge mette nero su bianco la negazione del diritto sancito dalla Dichiarazione Universale dei Diritti Umani a cui l’Italia, in teoria, aderisce. Lascia spazio solo a due condizioni d’ingresso: essere un profugo – cioè in fuga da una guerra riconosciuta come tale – e arrivare di conseguenza con mezzi di fortuna, barconi o a piedi lungo la rotta balcanica… Leggi tutto l’editoriale di Raffaele Crocco scritto per Unimondo

In copertina foto di Jametlene Reskp 

Tags:

Ads

You May Also Like

Tibet: “Armati solo di speranza e buonsenso”

Incontro col Primo Ministro del Governo tibetano in esilio Sikyong Penpa Tsering

di Alessandro Graziadei Abbiamo avuto il piacere di incontrare il Primo Ministro del Governo ...

Gli Usa: una coalizione per difendere le petroliere

Richiamo agli alleati:una flotta congiunta nello stretto di Hormuz

“Ci stiamo impegnando con un certo numero di Paesi, per vedere se possiamo mettere ...

9 maggio: la Vittoria che non c’è

Nessun accenno allo stato delle trattative di pace, passo avanti o indietro nelle strategie militari, né chiarimenti sugli obiettivi della guerra: cosa è successo nel giorno della sconfitta del nazismo

di Giovanni Mennillo Doveva essere il giorno dei grandi annunci di vittoria, della mobilitazione ...