Contro il memorandum Italia-Libia

Il 2 febbraio entra in vigore, senza alcuna modifica rispetto al 2017, l'accordo che sancisce la collaborazione con la guardia costiera libica. Pesanti critiche

Domani, domenica 2 febbraio il memorandum Italia – Libia verrà prorogato alle stesse identiche condizioni, per altri tre anni. Il documento stipulato dal Governo Gentiloni e confermato dai successivi Governi Conte prevedeva e prevede una stretta collaborazione tra l’Italia e la Guardia costiera libica, i cui membri sono stati accusati ripetutamente dalle agenzie Onu di traffico e detenzione di esseri umani.

In questi anni di applicazione tutte le organizzazioni non governative internazionali per i diritti umani lo hanno condannato perché rappresenta un rischio effettivo per la tutela dei diritti delle persone migranti. In Libia è infatti noto che vengono sistematicamente violati i diritti fondamentali di migliaia di persone, detenute senza accuse e sottoposte alle più indicibili violenze e torture.

Oltre ai numerosi servizi giornalistici, a documentare queste violenze sono state anche le stesse Nazioni Unite che avevano nel dicembre 2018 pubblicato un rapporto che denunciava “inimmaginabili orrori” subiti da migranti e rifugiati nei centri di detenzione in Libia.  A partire dalla testimonianza di 1.300 persone intervistate tra il gennaio del 2017 e l’agosto del 2018 la Missione di supporto delle Nazioni Unite in Libia (Unsmil) e l’Ufficio dell’alto commissariato delle Nazioni Unite per i diritti umani (Ohchr) avevano redatto un documento di sessanta pagine che descriveva le gravi violazioni, atrocità e abusi “commessi dai funzionari pubblici, dai miliziani che fanno parte di gruppi armati e dai trafficanti”.

Contro la conferma del memorandum si è sono mosse ong, associazioni e privati cittadini che hanno scritto in massa al ministro degli esteri Luigi Di Maio e alministro degli Interni Luciana Lamorgese per chiedere di mettere fine a questo accordo.

Tags:

Ads

You May Also Like

L’Olanda come l’Italia: Antille come Lampedusa

I Paesi Bassi fanno i conti con gli sbarchi di disperati. I venezuelani diventano "arancio": i profughi chiedono asilo in tre isole. L'imbarazzo del governo mentre la gente muore in mare. I cadaveri sulle spiagge e le strategie politiche

di Andrea Tomasi «La crisi del Venezuela è la più grave dell’America Laitina». Lo ...

La rivoluzione elettorale che ha premiato Boric

Analisi del voto cileno. Le speranze popolari e le incognite del futuro. Euforia in tutta l'America Latina. Ma archiviare Pinochet non sarà facile

di Gianni Beretta Oltre che manifestazioni trionfanti di piazza in tutto il Cile, l’affermazione ...

La Cina programma il suo futuro

Il prossimo piano quinquennale: economia, Taiwan, Hong Kong, il clima. I diritti umani punto d'attrito con Usa e Ue

di Maurizio Sacchi Il ministro degli Esteri  Wang YiI e il diplomatico cinese di ...