Donne che fanno la differenza: riflessioni sull’identita’ femminile in Palestina. Incontro pubblico a Roma

L’identità femminile in Palestina, tra occupazione israeliana e tradizionalismo. Questo il tema dell’incontro pubblico che si terrà venerdì 26 ottobre ore 18.30 presso la Casa internazionale delle donne, in via della Lungara 19 a Roma, organizzato da Associazione per la pace, Donne in nero e Casa internazionale delle donne.
“Essere donna in Palestina vuol dire confrontarsi quotidianamente con una doppia violenza – si legge nel comunicato stampa di Assopace Palestina -. Da un lato quella politica, economica e militare, dovuta all’occupazione israeliana che dura da più di sessant’anni. Dall’altro quella di genere, frutto di relazioni sociali ancora condizionate da tradizionalismi e integralismo religioso. Ma l’identità femminile, nei Territori Occupati, è, anche e soprattutto , una risorsa ancora troppo poco valorizzata. Che può fare la “differenza”.

Alla tavola rotonda, coordinata da Carolina Zincone, interverranno Francoise Daoud, attivista della Palestinian Working Woman Society for Development, Francesca Koch (presidente Casa internazionale delle donne), Silvana Pisa (Associazione per la pace) e Maria Pia Pompili (Donne in nero).

di seguito la locandina dell’evento

Tags:

Ads

You May Also Like

Ue: l’ora delle sanzioni

L’Unione Europea ha deciso l’imposizione di misure restrittive a  Cina, Nord Corea, Libia, Myanmar Russia, Sud Sudan ed Eritrea

Pugno di ferro al confine

Trump lancia un’offensiva senza precedenti contro i migranti centroamericani. Sospende da subito gli aiuti Usa a Guatemala, Salvador e Honduras. Minaccia di chiudere i valichi col Messico. La polizia di frontiera viene dirottata nel deserto a catturare chi cerca di varcarla. Malgrado ciò è record di entrate illegali

Maurizio Sacchi “Perchè vogliamo chiudere il confine? Abbiamo bisogno del personale dei posti di ...

Una fragile tregua

Tra Israele e Palestina non si ferma la tensione mentre nello Stato Ebraico si insedia il nuovo Governo e un appello chiede le dimissioni di Abu Mazen