Donne che fanno la differenza: riflessioni sull’identita’ femminile in Palestina. Incontro pubblico a Roma

L’identità femminile in Palestina, tra occupazione israeliana e tradizionalismo. Questo il tema dell’incontro pubblico che si terrà venerdì 26 ottobre ore 18.30 presso la Casa internazionale delle donne, in via della Lungara 19 a Roma, organizzato da Associazione per la pace, Donne in nero e Casa internazionale delle donne.
“Essere donna in Palestina vuol dire confrontarsi quotidianamente con una doppia violenza – si legge nel comunicato stampa di Assopace Palestina -. Da un lato quella politica, economica e militare, dovuta all’occupazione israeliana che dura da più di sessant’anni. Dall’altro quella di genere, frutto di relazioni sociali ancora condizionate da tradizionalismi e integralismo religioso. Ma l’identità femminile, nei Territori Occupati, è, anche e soprattutto , una risorsa ancora troppo poco valorizzata. Che può fare la “differenza”.

Alla tavola rotonda, coordinata da Carolina Zincone, interverranno Francoise Daoud, attivista della Palestinian Working Woman Society for Development, Francesca Koch (presidente Casa internazionale delle donne), Silvana Pisa (Associazione per la pace) e Maria Pia Pompili (Donne in nero).

di seguito la locandina dell’evento

Tags:

Ads

You May Also Like

Solo muri, siamo inglesi. C’è la barriera anti profugo

Calais, la barriera per impedire ai disperati di salire sui camion diretti nel tunnel della Manica, è costata 2,7 milioni di euro: denaro stanziato dal governo. Il cantiere è stato chiuso a tempo di record nell’indifferenza generale

di Ilario Pedrini Non occorre scomodare il presidente americano Donald Trump e i disperati ...

Yemen, la Pace fallisce ancora

Gli houthi lasciano il negoziato mediato dall'Onu a Ginevra. Riprendono, serrati, gli scontri: oltre 80 vittime in un giorno

In Yemen la guerra procede senza sosta e anche il tenue tentativo negozialen che ...

Centroamerica: “La soluzione è lo sviluppo”

Scuole, ferrovie, investimenti: un piano per la regione più violenta del Pianeta

Agli inizi di giugno l’accordo raggiunto fra il presidente messicano Lopez Obrador e il ...