Ecuador: dopo la vittoria della protesta

Imposto il ribasso dei carburanti. E quattro Ministri rinunciano  

di Maurizio Sacchi

Il 5 luglio 2022 il Presidente dell’Ecuador Guillermo Lasso ha accettato le dimissioni di quattro membri del governo, tra cui il Ministro dell’Economia e delle Finanze Simon Cueva e il Ministro della Salute Ximena Garzon, Le dimissioni arrivano dopo che il 1 luglio governo ha raggiunto un accordo che pone fine agli scioperi che hanno praticamente paralizzato il Paese. Il 7 di luglio, il Presidente ha nominato Ministro della Salute José Ruales; il nuovo titolare ha ricoperto la carica di Vice Ministro della Governance e della Sorveglianza Sanitaria. Ha dichiarato subito che la sanità ecuatoriana ha bisogno di aumenti significativi di budget per colmare i gravi vuoti che la affliggono. Il decreto è stato firmato dal Ministro del Governo Francisco Jimenez, dal leader indigeno Leonidas Iza e dal capo della Conferenza episcopale, monsignor Luis Cabrera, che ha svolto il ruolo di mediatore. 

L’accordo di giovedì prevede che il prezzo della benzina scenda di 15 centesimi a 2,40 dollari al gallone e che il prezzo del gasolio scenda della stessa cifra, da 1,90 dollari al gallone a 1,75 dollari, dopo che il governo e il principale gruppo indigeno del Paese hanno raggiunto un accordo per porre fine a 18 giorni di scioperi , anche violenti che avevano praticamente paralizzato il Paese e lasciato sul terreno  almeno quattro vittime.  L’accordo stabilisce anche limiti all’espansione delle aree di esplorazione petrolifera e proibisce l’attività mineraria nelle aree protette, nei parchi nazionali e nelle fonti d’acqua.  Leonidas Iza,  di  discendenza Kichwa-Panzaleo, che dal 27 giugno 2021 è presidente della Confederazione delle Nazionalità Indigene dell’Ecuador (Conaie), ha guidato le manifestazioni tenutesi in Ecuador nell’ottobre 2019 contro le misure economiche adottate dall’allora Governo di Lenín Moreno. “La pace sociale potrà essere raggiunta, speriamo presto, solo attraverso il dialogo, con particolare attenzione alle comunità emarginate, ma sempre nel rispetto dei diritti di tutti”, ha dichiarato monsignor Cabrera.  Ha aggiunto che “se le politiche statali non risolveranno il problema dei poveri, il popolo si solleverà“.

Le trattative erano in corso già durante i 18 giorni dello sciopero, ma  in un attacco, presumibilmente condotto dagli indigeni contro un convoglio di carburante  é rimasto ucciso un ufficiale  dell’esercito e ne ha lasciati feriti altri 12. Questo aveva portato il governo ad abbandonare i colloqui, e in seguito ad esso Lasso siè salvato da un voto di impeachment.  Il Governo ha ora 90 giorni per proporre soluzioni alle richieste dei gruppi indigeni.Lo sciopero nazionale a tempo indeterminato era iniziato  il 13 giugno, chiedendo, oltre  alla diminuzione del prezzo del carburante, un aumento del budget per la sanità, necessario anche per il nuovo ministro,  ma anche per  l’istruzione, e anche misure di controllo dei prezzi per i beni essenziali.  A causa dei  blocchi stradali che ne hanno impedito il trasporto, i prezzi di cibo e del carburante sono andati ulteriormente alle stelle,  in particolare nel nord andino, una delle aree più colpite dallo sciopero.

La particolare situazione dell’ Ecuador deriva anche dal  ballottaggio delle elezioni presidenziali dell’11 aprile 2021, conclusosi con la vittoria dell’ex banchiere conservatore Guillermo Lasso, che ottenne il 52,4 percento  dei voti contro il 47,6 dell’economista di sinistra Andrés Arauz. Il 24 maggio 2021 Lasso si é insediato come nuovo presidente dell’Ecuador, diventando il primo leader dichiaratamente di destra del Paese in 14 anni. Tuttavia, il partito del presidente Lasso, il Movimento CREO, e il suo alleato, il Partito socialcristiano (PSC), hanno ottenuto solo 31 seggi parlamentari su 137, mentre l’Unione per la speranza (UNES) di Andrés Arauz è stato il gruppo parlamentare più forte con 49 seggi, il che significa che il nuovo presidente ha bisogno del sostegno di Izquierda Democrática (18 seggi) e dell’indigenista Pachakutik (27 seggi) per governare. Allora si evidenziò la frattura interna alla sinistra, fra le due componenti, la estrattivista e la ecologista, che rese possibile l’elezione di Lasso malgrado la maggioranza larga delle sinistre alla Camera. Ed ora Lasso deve necessariamente cedere alla stessa maggioranza, che si fa sentire sia in parlamento, che nelle strade dell’Ecuador.

Nell’immagine, uno scatto di Larish Julio Fotografías (Facebook)

 

Tags:

Ads

You May Also Like

Fabio Bucciarelli: ancora un premio, questa volta italiano

Ancora. Si ancora. Qui il sito sta diventando una specie di bacheca dei trofei ...

HK, dopo la svolta di Pechino

Dure reazioni alla decisione del parlamento della Rpc di  proseguire con la formulazione della legge sulla sicurezza nazionale di Hong Kong che ne mina l'autonomia

Dopo che il parlamento cinese ha approvato la decisione di andare avanti con la ...

Colombia: fallito il dialogo, la protesta continua

Tra sindacato e Governo nessuna intesa. Le richieste del Comitato dello sciopero.

di Maurizio Sacchi “Aspettavamo una risposta alle nostre richieste di garanzie per la protesta ...