Elezioni in Israele: per il momento è pareggio

Unica soluzione un governo di coalizione.

Dopo una notte di incertezze, anche la mattina del 18 settembre non ha sciolto i dubbi su chi abbia vinto le elezioni in Israele, dove si rivotava dopo appena 5 mesi dall’ultima consultazione. Il tentativo di Benjamin Netanyahu di assicurarsi una maggioranza solida che gli permettesse di governare è probabilmente fallito, con il Likud e il parito Bianco e Azzurro assestati entrambi intorno al 27 percento dei voti.

Gli exit poll hanno suggerito che Gantz potrebbe succedergli, se riesce a stringere un accordo con i partiti arabi di Israele.

Netanyahu, che ha demonizzato la significativa minoranza araba palestinese del paese come quinta colonna durante la campagna elettorale, ha detto:”Non ci sarà né ci potrà mai essere un governo che si basi sull’appoggio di partiti arabi anti-sionisti. Semplicemente non può essere. È inconcepibile”. Il leader 69enne sta combattendo non solo per la  sopravvivenza politica, ma anche per la sua libertà. Mancano poche settimane alle udienze preliminari per tre casi di corruzione contro di lui, e una maggioranza in parlamento potrebbe dargli l’immunità dall’azione penale.

 Benny Gantz, leader dell’opposizione blu e bianca.ha guidato una campagna interamente incentrata sulla politica divisiva di Netanyahu e sui suoi scandali personali, presentandosi come un’alternativa pulita e responsabile.

Per ottenere il sostegno dei coloni israeliani, entrambi hanno usato la promessa di espandere  i confini dello Stato israeliano ben dentro il territorio palestinese.

Nell’immagine, il leader del partito Bianco e azzurro, Benny Gantz

Tags:

Ads

You May Also Like

Guerra al pianeta

Oggi e domani entra nel vivo la la Conferenza Cop24 sul clima a Katovice in Polonia. Molti i temi, poche le speranze di accordo

Si è aperta già da ieri, cioè un giorno prima del calendario fissato, la ...

Algeria, la protesta non si ferma

Ormai da quaranta settimane le dimostrazioni  continuano: un bagno di folla che vuole annullare le presidenziali previste a dicembre

E’ la settimana numero 40 da che l’Algeria ha alzato la testa ogni venerdi ...

Afghanistan: la strada parte da Doha

Americani e talebani siglano in Qatar l'accordo che dovrebbe spianare il  cammino per un  negoziato di pace intra-afgano

Americani e talebani siglano a Doha l’accordo che dovrebbe spianare la strada a un ...