Elezioni in Israele: per il momento è pareggio

Unica soluzione un governo di coalizione.

Dopo una notte di incertezze, anche la mattina del 18 settembre non ha sciolto i dubbi su chi abbia vinto le elezioni in Israele, dove si rivotava dopo appena 5 mesi dall’ultima consultazione. Il tentativo di Benjamin Netanyahu di assicurarsi una maggioranza solida che gli permettesse di governare è probabilmente fallito, con il Likud e il parito Bianco e Azzurro assestati entrambi intorno al 27 percento dei voti.

Gli exit poll hanno suggerito che Gantz potrebbe succedergli, se riesce a stringere un accordo con i partiti arabi di Israele.

Netanyahu, che ha demonizzato la significativa minoranza araba palestinese del paese come quinta colonna durante la campagna elettorale, ha detto:”Non ci sarà né ci potrà mai essere un governo che si basi sull’appoggio di partiti arabi anti-sionisti. Semplicemente non può essere. È inconcepibile”. Il leader 69enne sta combattendo non solo per la  sopravvivenza politica, ma anche per la sua libertà. Mancano poche settimane alle udienze preliminari per tre casi di corruzione contro di lui, e una maggioranza in parlamento potrebbe dargli l’immunità dall’azione penale.

 Benny Gantz, leader dell’opposizione blu e bianca.ha guidato una campagna interamente incentrata sulla politica divisiva di Netanyahu e sui suoi scandali personali, presentandosi come un’alternativa pulita e responsabile.

Per ottenere il sostegno dei coloni israeliani, entrambi hanno usato la promessa di espandere  i confini dello Stato israeliano ben dentro il territorio palestinese.

Nell’immagine, il leader del partito Bianco e azzurro, Benny Gantz

Tags:

Ads

You May Also Like

Alluvione colpisce Nord della Cina

Circa 190.000 ettari di colture sono stati danneggiati e più di 17.000 case sono crollate. Ma l'emergenza non è finita

Oltre 120.000 persone – scrive l’agenzia cinese Xinhua – sono state temporaneamente evacuate dopo ...

Schiaffo cinese

Nel piano di sviluppo delle forze armate della Rpc una messa in guardia agli Stati Uniti. La spesa militare di Pechino crescerà del 7,5% nel 2019

Una spesa per la difesa che dovrebbe aumentare del 7,5% quest’anno, seconda solo agli ...

Dossier, avviso ai naviganti

Per altre due settimane questa sezione di atlanteguerre va in vacanza. Ci rivediamo a settembre

Per altre due settimane questa sezione di atlanteguerre va in vacanza. Ci rivediamo a ...