Etiopia: alta tensione nel Tigrai

Nella serata di ieri l’aeronautica etiopica avrebbe iniziato bombardamenti nell'area

Nella serata di ieri l’aeronautica etiopica avrebbe iniziato bombardamenti nella regione del Tigray. Lo scrive oggi il magazine online Africa Express citando un’emittente locale ma finora Addis Abeba non ha rilasciato commenti in merito. Nel frattempo il Sudan ha già chiuso le sue frontiere con l’Etiopia come riferisce in un breve comunicato il governatore di Kassala. Secondo il sito italiano di notizie africane, resta  difficile verificare la situazione dell’area “perché internet è stato bloccato da ieri e lo spazio aereo è stato chiuso. Tutti voli interni e internazionali per e da la regione sono stati chiusi. Sempre ieri il parlamento etiopico – scrive ancora African Express, ha approvato lo stato d’emergenza nel Tigray, proclamato già martedì dal primo ministro Abiy Ahmed”. Huffington Post riferisce invece che nella notte tra il 3 e il 4 novembre si sono verificati scontri a fuoco nella capitale regionale del Tigrai, Macallè, e nella cittadina di Dansha, dove si sono fronteggiate le forze dell’esercito federale e quelle regionali agli ordini del Tigray People’s Liberation Front – TPLF. Secondo fonti locali, che citano il primo ministro Abiy Ahmed, ci sarebbero state numerose vittime nel corso degli incidenti.

Nell’immagine il disegno della silhouette di un Sukhoi Su-27 di fabbricazione sovietica in dotazione all’Etiopia

Fotonotizie è una sezione di atlanteguerre che dà conto di emergenze in sviluppo

{Red/Est)

Tags:

Ads

You May Also Like

La violenza di genere in guerra

In occasione della Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne, i dati su Repubblica Democratica del Congo, Sud Sudan e Iraq raccolti sul campo da Intersos

Profughi dal Sud Sudan e l’Uganda collassa

di Tommaso Andreatta Sono ormai un milione (e forse più) rifugiati del Sudan meridionale ...

Ciad, cuore debole dell’Africa

di Andrea Tomasi L’ex dittatore del Ciad Hissene Habre è colpevole di crimini contro ...