Fabio Bucciarelli: ancora un premio, questa volta italiano

Ancora. Si ancora. Qui il sito sta diventando una specie di bacheca dei trofei di Fabio Bucciarelli, manco fosse il Real Madrid. Il nostro, non contento di aver vinto il World Press e il Robert Capa, giusto l’altro giorno si è portato a casa il premio Amilcare Ponchielli 2013.  Lo ha deciso il gruppo di foto editori Grin e lui, Bucciarelli, dice di essere contento perché è il primo riconoscimento che riceve in Italia: come dire ho vinto già il Mondiale, ma mi mancava il campionato.
Insomma, Fabio non si ferma più e soprattutto il suo lavoro non si ferma più. Questo e’ un bene per noi: attraverso le sue foto capiamo meglio quello che accade. È un bene per lui: magari chi lo fa lavorare in Italia capira’ che va pagato per quel che vale, discorso che i nostri illuminati editori fingono di non capire. È un bene anche per il sito: fare da bacheca dei trofei ci piace proprio.

Tags:

Ads

You May Also Like

Cento anni di Panafricanismo

Nel 1919 a Parigi si tenne la prima Conferenza per chiedere la libertà per le colonie del Continente e per dare una voce globale agli africani di tutto il mondo

Festeggia cento anni il movimento globale africano. Nel febbraio 1919, a Parigi, si tenne ...

Treni di guerra da Livorno, il piano di Camp Darby

di Alice Pistolesi Treni di guerra, colmi di armi e munizioni transiteranno in territori ...

Armi italiane, export senza crisi

Nella Relazione al Parlamento prevista dalla legge 185/90: la vendita del comparto militar-industriale del Belpaese si attesta su 5,2 miliardi di euro di autorizzazioni e 2,5 mld di trasferimenti definitivi nel 2018. Oltre il 70% delle licenze singole finisce a Stati non EU e non NATO. L'analisi di Rete Disarmo e un commento di Opal

  Oltre il 70% delle licenze singole italiane per la vendita di armi finisce ...