I bambini reclusi del Ruanda

Secondo il servizio di riabilitazione nazionale del 2017 chiunque mostri "comportamenti devianti" può essere rinchiuso in un centro di transito. Il rapporto

Sono migliaia i bambini di strada detenuti in Ruanda. A raccontare e denunciare le loro condizioni è un rapporto di Human Right Watch pubblicato pochi giorni fa. La ong analizza in particolare la situazione del centro di Gikondo a Kingali, la capitale del Ruanda, e di altri ‘centri di transito’ nel Paese. Queste strutture sono regolati da una legge del 2017 che istituisce il Servizio di riabilitazione nazionale. In base al disegno governativo chiunque mostri “comportamenti devianti”, definiti come “azioni o comportamenti scorretti come la prostituzione, il consumo di droghe, l’accattonaggio, la vagabondaggio, il commercio ambulante informale o qualsiasi altro comportamento deviante che è dannoso per il pubblico”, può essere rinchiuso in un centro di transito per un massimo di due mesi, senza ulteriori giustificazioni o controlli legali.

Il rapporto della ong, basato su interviste condotte con 30 bambini precedentemente detenuti di età compresa tra 11 e 17 anni tra gennaio e ottobre 2019, documenta le violazioni dei diritti umani contro i bambini detenuti a Kingali presso il Gikondo Transit Center. Oltre alla loro ingiustificata detenzione, il rapporto racconta che i bambini vengono denutriti, picchiati regolarmente e tenuti in stanze sovraffollate e poco igieniche, senza controllo giudiziario o giusto processo. La ricerca di Human Rights Watch suggerisce che è probabile che centinaia di bambini siano passati attraverso Gikondo e siano stati sottoposti a maltrattamenti da quando è stato istituito il Servizio di riabilitazione nazionale nel 2017.

Il testo di Hrw spiega che da una valutazione della situazione dei bambini di strada in Ruanda, pubblicata nel maggio 2019, la Commissione nazionale per l’infanzia, un ente governativo legato al Ministero per la promozione di genere e della famiglia, incaricato di promuovere i diritti dei bambini, siano 2.882 i bambini che vivono per strada. È emerso che quasi la metà di questo numero è finita almeno una volta in un centro per bambini di strada e che un terzo è stato trovato nei tre distretti di Kigali: Gasabo, Nyarugenge e Kicukiro. L’analisi governativa, inoltre, ha rilevato che il 44% dei ragazzi e il 36% delle ragazze ha dichiarato di aver subito violenze nel centro di transito dove erano detenuti. “Quasi tutti i bambini intervistati per questo rapporto – si legge – hanno dichiarato di essere stati portati nelle stazioni di polizia locali o negli uffici del settore e delle celle (governo locale) di Kigali, dove sono stati trattenuti per periodi che vanno da alcune ore a una settimana, gratuitamente e senza alcun riguardo processi. Alcuni hanno anche riferito che gli agenti di polizia li hanno picchiati. Sebbene alcuni bambini abbiano ricevuto una dichiarazione ufficiale con l’accusa rivolta contro di loro, molti hanno affermato di non aver mai ricevuto un simile documento e nessuno ha avuto accesso a un avvocato, tutore o familiare”.

Secondo la ong “le condizioni del Gikondo Transit Center sono molto al di sotto degli standard internazionali, che hanno lo scopo di stabilire un livello minimo e violano la legge ruandese”. Alla luce di quanto è emerso dal rapporto Hrw sottolinea che la situazione vissuta dai bambini di strada a Gikondo viola la Carta africana sui diritti e il benessere del bambino (Carta africana) e la Convenzione sui diritti del bambino (Crc). “Sia la Carta africana che la CRC – continua il rapporto – richiedono ai governi di proteggere i bambini da ogni forma di violenza fisica o mentale, abbandono e maltrattamenti. In base al diritto internazionale, i bambini dovrebbero essere privati ​​della libertà solo come misura di ultima istanza e per il periodo più breve appropriato. Nel caso in cui un minore commetta un reato, devono essere considerati prioritari i programmi educativi o professionali non detentivi, i servizi alla comunità e la giustizia riparatoria. La detenzione di minori insieme ad adulti è vietata da entrambi i trattati”.

di Red/Al.Pi.

Tags:

Ads