Il dramma di Kabul svela l’ipocrisia degli europei

"Nelle beghe dei Governi sull’accoglienza di chi fugge dall’Afghanistan abbiamo ucciso le nostre coscienze". L'editoriale

di Raffaele Crocco

Si potrebbe dire che i nuovi muri dell’Europa stanno facendo crollare il vecchio muro dell’ipocrisia. Proprio ora, con migliaia di persone che fuggono dalla Kabul dei talebani, i Governi europei e la destra fascista europea chiariscono il proprio pensiero: nel Vecchio Continente non deve arrivare nessuno. Nessuno straniero, per alcun titolo o ragione, deve pensare di poter venire a vivere qui. Il problema è che questo appare come il pensiero vincente e dominante.

Per un decennio – in Italia grazie alla Bossi – Fini, che nessun governo di centrosinistra ha voluto smantellare – ci siamo nascosti dietro l’alibi dell’accoglienza “solo ai profughi”, cioè a coloro che scappano dalla guerra. Per gli altri porte chiuse e rotte della disperazione fra Mediterraneo e Balcani, ricacciandoli appena possibile con il titolo immaginario, quasi fosse una vergogna, di “migrante economico”. Figura interessante questa, perché frutto della fantasia al pari dell’Uomo Nero o della Fata Turchina. Il “migrante economico” non esiste, se non nella retorica razzista e parafascista di chi ha bisogno di catalogare un altro essere umano per segnare una differenza. I migranti, da quando esiste il genere umano, sono solo migranti. Si muovono sempre e da sempre per le medesime ragioni: cambiare in meglio la propria vita. Chiedetelo ai 200mila circa che ogni anno lasciano per questo l’Italia.

Bene: noi abbiamo comunque vissuto per un decennio e mezzo in questa ambiguità che ci salvava l’anima, dicendo che “chi scappa dalla guerra” ha diritto di sbarcare o arrivare, gli altri no. Ora, davanti all’evidenza di migliaia di persone in fuga reale da una realissima guerra, alziamo un nuovo e definitivo muro. Ammettiamo che, profughi o meno, in fuga o meno da una guerra, “non possono arrivare tutti”. Restino a marcire nei Paesi vicini, al massimo salviamo poche e selezionate donne con relativi figli, giusto per avere la coscienza pulita.

Dalla porcheria di una guerra che non dovevamo fare, dall’atrocità di una ventennale, inutile, occupazione militare che non ha costruito nulla, dalla scandalosa fuga con chiusura di ambasciate delle ultime ore, emergiamo come europei con la vergognosa etichetta di fascisti incapaci. Non abbiamo alcun rispetto dei diritti umani. Non abbiamo rispetto per la vita altrui. Non abbiamo evidentemente rispetto nemmeno di noi stessi e della nostra storia. Che un qualche dio, per chi ci crede, ci salvi da noi stessi: nelle beghe dei Governi sull’accoglienza di chi fugge dall’Afghanistan abbiamo ucciso le nostre coscienze.

*In copertina l’esercito italiano durante l’evacuazione dei collaboratori afghani e del personale ancora presente nel Paese.

Tags:

Ads

You May Also Like

Non c’è Pace se non c’è lavoro

Un mondo in pace è un mondo in cui ogni essere umano ha un lavoro dignitoso e lo ha perché è un suo è diritto. Un diritto, non merce, non un costo come da decenni sentiamo dire

di Raffaele Crocco* La questione è che il lavoro è il primo mattone per ...

Iraq: una guerra nata dalla menzogna, genera infinite menzogne

    di Raffaele Crocco  Chiudete gli occhi, per favore, solo un attimo. Chiudete ...

Gli infiniti muri dopo Berlino

Il 9 novembre saranno trent'anni dalla caduta del simbolo della Guerra Fredda tra le due Germanie: vale la pena ricordarlo. L'editoriale del direttore dell'Atlante

di Raffaele Crocco E’ affascinante parlare di un avvenimento come la Caduta del Muro ...