Il miraggio dell’esercito europeo

La difesa comune resta per l'Europa solo una prospettiva lontana. Sostituita per ora solo dalla  parola "coordinamento"

di Maddalena D’Aquilio

Il 21 marzo, Il Consiglio dell’Ue ha approvato la Strategic compass (bussola strategica). Si tratta di un piano d’azione con cui l’Unione europea intende rafforzare la sua politica di difesa e sicurezza comune entro il 2030. Il documento ha poi ricevuto l’avallo dai leader del Consiglio europeo.  La bussola offre una visione strategica condivisa sul ruolo che l’Unione dovrà ricoprire negli anni a venire, come attore geopolitico che provvede alla sicurezza per i propri cittadini e il mantenimento della pace a livello internazionale.  Il documento propone un calendario di attuazione, identificando gli obiettivi strategici che l’Unione intende raggiungere in quattro ambiti di lavoro: azione, sicurezza, investimenti e partenariato.

«Abbiamo iniziato a lavorare alla bussola quando già sentivamo che in un mondo di politiche di potere, l’Ue aveva bisogno di parlare la lingua del potere e di migliorare la sua capacità collettiva di agire.» Commenta nel suo blog Josep Borrell, l’alto rappresentante per la politica estera Ue. Al documento si lavorava da due anni, ma «la guerra contro l’Ucraina rafforza ancora di più questa necessità di un cambiamento radicale nella sicurezza e nella difesa dell’Ue.» La prospettiva è quella di coordinare progressivamente forze e investimenti degli Stati membri. Il primo passo è la costituzione di una capacità di dispiegamento rapido (EU RDC) composto da 5000 soldati, addestrati ed equipaggiati per intervenire in diverse fasi di un’operazione e in diversi scenari. Comprenderà componenti terrestri, aeree e marittime. 

Sarà questo il primo nucleo del mitologico esercito europeo? La risposta è negativa. In conferenza stampa, Borrell ha precisato che non si tratta qui di creare un esercito europeo. Gli eserciti europei continueranno ad appartenere a ciascuno Stato membro. Ma la necessità è che si collabori di più, si coordinino meglio le spese e si riesca a reagire rapidamente. E uno dei modi progettati è la forza di dispiegamento rapido… (continua.   Leggi tutto su Unimondo)

Tags:

Ads

You May Also Like

Stampa/ condanne a morte in Yemen

Un tribunale Houti commina la pena capitale a quattro  giornalisti colpevoli di "tradimento"

Un tribunale gestito dai ribelli Houthi dello Yemen ha condannato a morte quattro giornalisti ...

Martedi 31 Giornata delle Fasce Bianche

Ogni anno questa data di fine maggio ci ricorda  il diritto di avere diritti. Cominciò tutto a Prijedor, in Bosnia, nel 1992

GIORNATA INTERNAZIONALE DELLE FASCE BIANCHE TRENTO 31 MAGGIO 2022 – ore 18.00. MANIFESTAZIONE NEL ...

Nucleare: la lista nera di chi lo produce

Armamenti. Un rapporto di  International Campaign to Abolish Nuclear Weapons e Pax

ICAN e la sua organizzazione partner Pax hanno pubblicato un rapporto con i profili ...