Il Mondo in Piazza ad Altavalle

Sabato 13 luglio in Val di Cembra  per parlare di migrazioni con la 5°tappa del progetto "Informare, conoscere, accogliere"

Sabato 13 luglio il Mondo in Piazza è in val di Cembra, nel comune di Altavalle a Grumes, per parlare di migrazioni, con la 5°tappa del progetto “Informare, conoscere, accogliere”.

L’associazione 46°parallelo, con il contributo della Provincia Autonoma di Trento, le associazioni partners ACAV, ATAS, UISP e media partners Il Dolomiti e Filmwork, porterà il format nel comune cembrano a partire dalle 14:30, in piazza del municipio, nella frazione di Grumes. In caso di maltempo invece sarà realizzato al teatro comunale Le Fontanelle, sempre a Grumes.

Il programma si apre con la mostra di Fabio Bucciarelli, fotoreporter, con le fotografie scattate durante il conflitto in Libia a partire dalle 14:30.

Alle 16:30 giochi con UISP Sport per tutti, che permetteranno a bambini e ragazzi di tutte le età di provare sport differenti e mettersi in gioco con gli operatori di giocoleria, basket e calcetto.

Alle 17:30 poi approfondimento sul tema “Storie di emigrazione e resistenza da e in Val di Cembra” con Vera Rossi (vicesindaco comune di Altavalle) e i registi dei due documentari “Senza far rumore” e “Senza far rumore II” Barbara Fruet, Stefania Viola e Gianpiero Mendini.

Alle 18 Elisabetta Bozzarelli (ACAV) presenterà il modello di accoglienza ugandese, messo in atto per i rifugiati provenienti dal Sudan.

Alle 18:15 Raffaele Crocco racconterà “Le migrazioni oggi”, un intervento basato sui testi de “L’Atlante delle Guerre e dei Conflitti del Mondo” che l’associazione 46°parallelo pubblica.

Alle 18:30 spazio al teatro con lo spettacolo “Eisbolè. Una carta geografica diventa teatro”, spettacolo realizzato dalla compagnia F.a.r.m. Fabbrica dei Racconti e della Memoria, con attrici Giusi Salis e Fiamma Negri.

Alle 19:30 pizza in piazza.

Il format verrà realizzato anche in caso di maltempo, presso il teatro Le Fontanelle, fraz. Grumes, Comune di Altavalle.

Tags:

Ads

You May Also Like

L’onore del martirio

Dalla firma dell'accordo tra croati e serbo bosniaci, alla strage di Briševo, alle spartizioni più o meno previste fino alla difficile convivenza attuale. Un'analisi che parte dal 1992 e racconta la storia nascosta di un paese oggi completamente disabitato

di Edvard Cucek Tutto successe a soli due mesi e mezzo dalla firma dell’accordo, all’epoca ...

Putin e le strategie militari della Russia

Di Raffaele Crocco C’è una pessima notizia, almeno per alcuni: la Russia ha cambiato ...

Bombe e pompe funebri

di Andrea Tomasi Ci sono settori che economicamente «tirano» sempre. Uno è quello delle ...