Il prezzo della verità

Cina, Turchia, Arabia Saudita ed Egitto si aggiudicano il primato nella repressione della libertà di stampa. Il rapporto del Committee to Protect Journalists (CPJ)

Il numero di giornalisti incarcerati a livello globale per il loro lavoro nel 2019 è rimasto vicino ai suoi massimi storici, mentre la Cina ha imposto con forza  la sua stretta ferrea sulla stampa e la Turchia, avendo eliminato praticamente tutte le notizie indipendenti, annovera  diversi giornalisti in attesa di processo o appello. L’autoritarismo, l’instabilità e le proteste in Medio Oriente infine hanno portato a un aumento del numero di giornalisti rinchiusi nella regione, in particolare in Arabia Saudita, che è ora alla pari con l’Egitto come il terzo peggiore carceriere al mondo. Lo dice l’ultimo rapporto del Committee to Protect Journalists (CPJ)

Nel suo sondaggio globale annuale, il Comitato per la protezione dei giornalisti ha rilevato almeno 250 giornalisti in prigione in relazione al loro lavoro, rispetto a 255 adattati un anno prima. Il numero più alto di giornalisti incarcerati in qualsiasi anno da quando CPJ ha iniziato a seguire le sue tracce è di 273 nel 2016. Dopo Cina, Turchia, Arabia Saudita ed Egitto, i peggiori carcerieri sono l’Eritrea, il Vietnam e l’Iran.

Mentre la maggior parte dei giornalisti incarcerati in tutto il mondo affrontano accuse contro lo Stato, in linea con gli ultimi anni, il numero accusato di “notizie false” è salito a 30 rispetto ai 28 dell’anno scorso.

Leggi il rapporto

(Red/Est)

Tags:

Ads

You May Also Like

Kiev e Nato mostrano i muscoli sul Mar Nero

L'esercitazione militare congiunta si svolge mentre l’Ucraina si prepara al ballottaggio e Trump si addestra con il cyberspazio

di Maurizio Sacchi Il 29 marzo l’ammiraglia olandese Evertsen e le fregate Toronto e ...

Palestina, esplode la rabbia

Metal detector e restrizioni all’ingresso della Spianata delle Moschee e la rabbia che esplode. ...