In cerca di protezione

Conflitti ed emergenza climatica le cause che produrranno necessità di aiuto nel 2020 per oltre 167 milioni di persone.Lo dice il il Global Humanitarian Overview dell'Onu

A causa del clima e della guerra oltre 167 milioni di persone avranno bisogno di una qualche forma di assistenza d’emergenza nel 2020. Avranno bisogno di cibo, alloggio e sostegno sanitario. Lo dice il il Global Humanitarian Overview delle Nazioni Unite pubblicato in dicembre. Questa stima, dice il rapporto, è la più alta degli ultimi decenni e continuerà a crescere se i cambiamenti climatici e le cause profonde dei conflitti non verranno affrontati con maggior rigore.

Una persona su 45 nel mondo avrà bisogno di assistenza umanitaria e protezione nel 2020 e l’Onu e i suoi partner dovranno cercare  fondi per 26 miliardi di euro al fine di aiutare subito 109 milioni di persone considerate più vulnerabili. I conflitti altamente violenti sono aumentati dai 36 al 2018 ai 41 nel 2019 dice il rapporto e le crisi umanitarie in Siria e Yemen hanno ricevuto il 42% di tutti i finanziamenti umanitari nel 2019. Nei primi nove mesi di quest’anno, aggiunge il dossier, si sono verificati 825 attacchi a operatori sanitari, con il risultato di 171 morti.

Le 8 peggiori crisi alimentari acute nel mondo all’inizio del 2019

Secondo il rapporto i bisogni umanitari continuano a crescere perché i conflitti stanno diventando più lunghi e intensi. Nella sola Germania, spiega l’agenzia tedesca Deutsche Welle, 1,8 milioni di persone hanno cercato protezione umanitaria nel 2018. Ma la situazione dell’assistenza è in crisi: in novembre, gli appelli per il finanziamento di emergenze ad Haiti e Venezuela hanno ricevuto solo il 30% di quanto necessario e le richieste per Etiopia, Iraq, Madagascar e Myanmar hanno ricevuto soltanto l’80% delle loro esigenze di finanziamento.

(Red/Est)

Tags:

Ads

You May Also Like

Usa: anche l’Avana nella “lista nera”

Il Dipartimento di Stato americano  ha classificato Cuba come sponsor ufficiale del terrorismo. Ennesimo colpo di coda dell'Amministrazione Trump

La reporter di guerra e il giornalismo di qualità

I cronisti raccontano i drammi e i loro perché. Barbara Schiavulli, corrispondente di guerra e direttrice di Radio Bullets, ospite della mostra NO WAR NO PEACE, promossa dall'Atlante in collaborazione con il MAG (Museo Alto Garda). L'incontro pubblico a Rovereto. Guarda la video-intervista nelle sale del museo di Riva del Garda (Trentino)

La guerra raccontata da chi ha visto la guerra. Il 2 agosto Barbara Schiavulli, ...

Thailandia: riparte il dialogo con la guerriglia

Governo e combattenti islamici  tornano al tavolo negoziale.Mentre Bangkok ordina nuovi caccia da combattimento

Il dialogo tra il Governo tailandese e il principale gruppo ribelle muuslmano che combatte ...