In cerca di protezione

Conflitti ed emergenza climatica le cause che produrranno necessità di aiuto nel 2020 per oltre 167 milioni di persone.Lo dice il il Global Humanitarian Overview dell'Onu

A causa del clima e della guerra oltre 167 milioni di persone avranno bisogno di una qualche forma di assistenza d’emergenza nel 2020. Avranno bisogno di cibo, alloggio e sostegno sanitario. Lo dice il il Global Humanitarian Overview delle Nazioni Unite pubblicato in dicembre. Questa stima, dice il rapporto, è la più alta degli ultimi decenni e continuerà a crescere se i cambiamenti climatici e le cause profonde dei conflitti non verranno affrontati con maggior rigore.

Una persona su 45 nel mondo avrà bisogno di assistenza umanitaria e protezione nel 2020 e l’Onu e i suoi partner dovranno cercare  fondi per 26 miliardi di euro al fine di aiutare subito 109 milioni di persone considerate più vulnerabili. I conflitti altamente violenti sono aumentati dai 36 al 2018 ai 41 nel 2019 dice il rapporto e le crisi umanitarie in Siria e Yemen hanno ricevuto il 42% di tutti i finanziamenti umanitari nel 2019. Nei primi nove mesi di quest’anno, aggiunge il dossier, si sono verificati 825 attacchi a operatori sanitari, con il risultato di 171 morti.

Le 8 peggiori crisi alimentari acute nel mondo all’inizio del 2019

Secondo il rapporto i bisogni umanitari continuano a crescere perché i conflitti stanno diventando più lunghi e intensi. Nella sola Germania, spiega l’agenzia tedesca Deutsche Welle, 1,8 milioni di persone hanno cercato protezione umanitaria nel 2018. Ma la situazione dell’assistenza è in crisi: in novembre, gli appelli per il finanziamento di emergenze ad Haiti e Venezuela hanno ricevuto solo il 30% di quanto necessario e le richieste per Etiopia, Iraq, Madagascar e Myanmar hanno ricevuto soltanto l’80% delle loro esigenze di finanziamento.

(Red/Est)

Tags:

Ads

You May Also Like

Mosca e la guerra fredda con Tokyo

di Andrea Tomasi Gli incontri con Vladimir Putin sono «importanti», rappresentano «un grande passo ...

Piccolo Atlante di una Pandemia (Marzo)

Una panoramica di ciò che accade in tutte le regioni geografiche del mondo e un'analisi globale dell'evento epocale, che al 20 marzo 2020, ha infettato 250mila persone

Algeri, la “svolta” non convince

Eletto al primo turno l'ex premier Abdelmadjid Tebboune ma la piazza dice no

Non convincono le promesse di una svolta del neo presidente algerino Abdelmadjid Tebboune. Le ...