Indipendenza dei Curdi: c’è speranza

di Tommaso Andreatta
Il Partito democratico del Kurdistan (Pdk) e l’Unione patriottica del Kurdistan (Upk), i due principali partiti curdi iracheni, hanno raggiunto un accordo per organizzare un referendum sull’indipendenza della regione autonoma del Kurdistan da Baghdad dopo la sconfitta dell’Isis. Lo hanno reso noto in un comunicato congiunto dopo una riunione tenuta ad Erbil. «Le due parti – si legge nella dichiarazione – hanno concluso un accordo per formare un comitato per condurre trattative con il governo iracheno per determinare il futuro delle aree contese e poi per tenere un referendum e dichiarare l’indipendenza del Kurdistan». La notizia è stata riportata dall’agenzia Ansa. Il Pdk è guidato da Massud Barzani, presidente della regione autonoma del Kurdistan. «L’Upk da Jalal Talabani, fino al 2014 presidente iracheno, carica in cui gli è succeduto un altro esponente del partito, Fuad Massum. Tra le regioni contese tra curdi e arabi vi è la città di Kirkuk e la sua provincia, ricca di petrolio, che le milizie curde Peshmerga occupano dal 2014, quando avanzarono fuori dalla regione del Kurdistan per contrastare i jihadisti dell’Isis dopo che l’esercito federale iracheno si era ritirato senza combattere. I miliziani curdi partecipano anche all’offensiva lealista avviata il 17 ottobre scorso per riconquistare Mosul, la “capitale” dello Stato islamico in Iraq, dove vive una minoranza curda. Ma il primo ministro iracheno Haidar al Abadi ha messo in chiaro che i Peshmerga non potranno entrare in città per prevenire il tensioni etniche con la popolazione araba».  Il Kurdistan iracheno «è un’entità federale autonoma del Nord dell’Iraq». La regione – ricorda In Terris – confina con l’Iran a Est, con la Turchia a Nord, con la Siria a Ovest». E infine: «Nel 1991 la regione assume le attuali caratteristiche di autonomia solo con l’introduzione della nuova costituzione nel 2005».

 

 

http://www.ansa.it/sito/notizie/mondo/mondo.shtml

Iraq: intesa tra i principali partiti curdi per il referendum sull’indipendenza

foto tratta da https://it.pinterest.com/pin/569353577869237498/

 

Tags:

Ads

You May Also Like

Che succede in Sudamerica?

Ottobre è stato in Ecuador, Cile, e Bolivia un mese di rivolte di piazza. Sullo sfondo di situazioni molto diverse, corre un filo rosso che le collega: debito pubblico e diseguaglianze. Il caso Argentino

di Maurizio Sacchi Nel mese di ottobre, in Ecuador, Cile, e Bolivia le piazze ...

Venezuela: fallito il golpe, si tenta l’arma dello sciopero generale

Quattro morti e 60 feriti.Usa e Russia si scambiano accuse. La Spagna chiede dialogo e elezioni: ma c'è chi non le vuole.

“E’ stato il gesto simbolico di alcuni soldati che mostravano scontento nei ranghi militari, ...

Top ten dell’orrore

International Rescue Committee fa una lista dei  dieci paesi che nel 2019 saranno maggiormente a rischio per cause legate alla guerra e ai fenomeni correlati

L’emittente del Qatar al Jazeera, ha pubblicato una serie di dati forniti  dall’ International Rescue ...