“Io sono ucraino”

"Sto senza se e senza ma dalla parte di chi subisce la guerra, di chi è costretto a fuggire e a trovare riparo dalle bombe, di chi è costretto ad impugnare un'arma per difendere chi ama". L'editoriale 
di Raffaele Crocco
 
Al nuovo giorno di guerra, rompo gli indugi e mi schiero: io sono ucraino. Io sto senza se e senza ma dalla parte di chi subisce la guerra, di chi è costretto a fuggire e a trovare riparo dalle bombe, di chi è costretto ad impugnare un’arma per difendere chi ama.  Al nuovo giorno di guerra dico che questa guerra va fermata dicendo che le parti non sono uguali, non hanno le medesime responsabilità. Bisogna dire che ci sono un aggressore e un aggredito, un ingiusto e un giusto, chi ha torto e chi ha ragione. 
 
Al nuovo giorno di guerra e morte insensata lascio le tronfie, compiaciute e onanistiche analisi geopolitiche a chi non vuole vedere e non vuole capire. Non vede e non capisce che dobbiamo vergognarci per avere ignorato gli otto anni di guerra in Ucraina: oggi hanno portato a questo. Dobbiamo vergognarci di non aver difeso l’Ucraina con gli strumenti della politica, portandola ad esempio nell’ Unione Europa rapidamente.  Dobbiamo vergognarci di avete fatto e di fare affari con Putin.
 
Dobbiamo vergognarci di scrivere ancora, mentre esseri umani muoiono, del neonazismo ucraino e, spiegando che… insomma… anche loro… mica tanto democratici. Pensate: lo diciamo noi italiani, che votiamo a rappresentarci in Parlamento, con percentuali a due cifre, signore e signori che non hanno mai rinnegato il fascismo, non hanno mai detto nulla contro le leggi razziali e che sostengono che il criminale Mussolini in fondo era un grande statista.
 
La nostra ipocrisia, la nostra ambiguità, la nostra stupida arroganza sta facendo morire la gente d’ Ucraina. Spero un giorno possano perdonarci. Io intanto rompo gli indugi: io sono ucraino.
 
*In copertina il presidio per dire no alla guerra del 26 febbraio 2022 a Trento

Tags:

Ads

You May Also Like

Clima. La bambina e il gigante

Mentre Trump annunciava il ritiro dall'Accordo di Parigi, Greta Thunberg risvegliava la società civile globale, rivendicando il diritto a un futuro della propria generazione e di quelle a venire

di Elia Gerola Ci è voluta un bambina sedicenne svedese, affetta dalla sindrome di ...

Una giornata per non dimenticare

L’Associazione Nazionale Vittime Civili di Guerra organizza al Museo delle Civiltà di Roma una serie di eventi dal 1° al 18 febbraio: per conservare la memoria di chi è stato colpito dai  conflitti e promuovere la cultura della pace e del ripudio dell'uso delle armi

Oggi ricorre la seconda Giornata Nazionale delle vittime civili delle guerre e dei conflitti ...

Ucraina, la Russia mostra i muscoli

Alta tensione al confine Orientale. Le mosse della Federazione in funzione anti Usa e Nato. L'opinione di Danilo Elia