Iran, ballottaggio il 5 luglio

Per ora il popolo ha scelto in maggioranza il candidato riformista. E l'astensione

La resa dei conti in Iran si svolgerà venrdi 5 luglio, giorno in cui  è previsto il secondo turno di votazioni per scegliere chi tra Pezeshkian e Jalili prenderà il posto del Presidente Ebrahim Raisi, morto in un incidente in elicottero all’inizio di quest’anno. Il riformista Masoud Pezeskhian (a sinistra nell’immagine tratta da Wikipedia) ha vinto il primo turno della corsa presidenziale con il 42,5% dei voti, seguito dal conservatore Jalili che ha ottenuto il 38,6%.

E’ dunque previsto il ballottaggio poiché nessuno dei due è riuscito a ottenere il 50% più un voto necessario per una vittoria assoluta.L’affluenza alle urne, pari al 40%, è stata la più bassa mai registrata dalla fondazione della repubblica islamica nel 1979. All’estero diverse manifestazioni pubbliche della diaspora hanno chiesto espressamente di boicottare il voto,

 

 

In copertina elaborazione di Shuttelstock (su licenza)

Fotonotizie è una sezione di atlanteguerre che dà conto di situazioni in sviluppo

Tags:

Ads

You May Also Like

Usa: via dal “Trattato Cieli Aperti”

Le ragioni e le implicazioni del ritiro dal Trattato che ha garantito la sicurezza deli alleati europei e contribuito a creare trasparenza e stabilità strategiche in Europa. Gli alleati NATO sono contrari e il mondo più insicuro.

di Elia Gerola Il 21 maggio 2020 gli Stati Uniti d’America a guida Trump ...

Nubi tra Germania e Marocco

Berlino ha annunciato che congelerà oltre 1miliardo di dollari di aiuti destinati a progetti di sviluppo per la questione saharawi, mentre l'Ohchr attacca Rabat per la violazione di diritti umani

Tempi di crisi: il florido mercato delle armi

La spesa militare globale ha registrato nel 2019 la sua miglior performance dell'ultimo decennio: a quota  1.917 miliardi. La ricerca del Sipri

Le spese militari globali totali sono salite a 1917 miliardi di dollari nel 2019, ...