Kashmir, il rischio di un’isteria nucleare

Per ora sulla questione himalayana lo scontro tra India e Pakistan  è solo a parole. Ma c'è chi  soffia sul fuoco sempre accesso di un nuovo possibile conflitto

di Emanuele Giordana

Il 16 agosto scorso, durante una visita del ministro Rajnath Singh a Pokhran nell’anniversario della morte dell’ex primo ministro Atal Bihari Vajpayee – l’ex premier indiano a capo del Bjp, partito ora al governo con Narendra Modi – il titolare indiano della Difesa ha scritto su Twitter una preoccupante dichiarazione sull’uso del nucleare. Dichiarazione fortemente condannata dalla leadership pakistana, in primis dal ministro degli Esteri di Islamabad Shah Mehmood Qureshi .

Facendo riferimento alla politica nucleare No First Use dell’India, Rajnath Singh ha dichiarato che: “L’India ha aderito rigorosamente a questa dottrina. Ciò che accadrà in futuro dipende dalle circostanze”. Un cambiamento nella politica nucleare indiana in questo senso può intensificare la corsa agli armamenti nell’Asia meridionale a seguito della continua escalation tra i due vicini nucleari, hanno rilevato alcuni giorni dopo diversi osservatori riuniti dal Center for International Strategic Studies di Washington.

Shri Narendra Modi

Preoccupazione più che legittima dopo quanto avvenuto agli inizi di agosto quando l’India ha revocato lo status speciale per il Kashmir di cui godeva la regione himalayana che, com’è noto, è divisa tra India e Pakistan, due Paesi che si considerano l’un l’altro occupanti. Il Pakistan ha reagito con una serie di misure diplomatiche e commerciali, denunciando l’illegalità della decisione di Narendra Modi e del suo governo ipernazionalista che può contare su una rilevante vittoria alle ultime elezioni vinte dal Baratiya Janata Party. Infine Islamabad sta cercando per quanto possibile di internazionalizzare la questione ritenendo -non a torto – che una modifica dello statu quo possa portare addirittura a un nuovo conflitto.

In particolare il premier Imran Khan ha puntualizzato il fatto che entrambi i Paesi hanno l’arma nucleare e che se si dovesse arrivare a un ennesimo conflitto tra India e Pakistan il caso sarebbe ben più che solo bilaterale. In contrasto con la tesi del Pakistan, Donald Trump ha invece appena rincuorato Modi sul fatto che il Kashmir è una questione bilaterale. Musica per le orecchi di Modi e musica per i giornali indiani (vedi immagine sopra) le parole di Imran Khan diventate immediatamente una “minaccia nucleare” del Pakistan all’India. Un caso di isteria nucleare che mira a relegare Islamabad tra i reietti per far dimenticare quel che avviene in Kashmir: repressione durissima del dissenso e avvio – permesso ora dal nuovo status del Kashmir – di una campagna di induizzazione di una regione a maggioranza musulmana poiché la modifica dello status consente ora a chiunque di acquistare terra in Kashmir prendendovi la residenza.

Per ora il Consiglio di sicurezza, riunitosi su richiesta del Pakistan sulla questione, non ha proferito verbo. Per adesso, fortunatamente le armi tacciono, ma la guerra delle parole e della propaganda è già cominciata e rischia di far da leva sui muscoli sempre tesi dei militari dell’uno e dell’altro Paese, da sempre favorevoli a risolvere il contenzioso con una guerra. Un po’ di calma e sangue freddo non guasterebbero per evitare che il Pakistan – il cui comportamento è stato finora responsabile – non venga trascinato nel tritacarne (attualmente solo mediatico) alimentato da un’India dove, in questo momento, le voci indipendenti, laiche e critiche sono sempre più tenui.

In copertina: Kashmir, foto di Abhas Mishra per Unsplash

Tags:

Ads

You May Also Like

La piazza di Soleimani

Il primo funerale ufficiale del generale iraniano assassinato a Bagdad dagli americani riempie le strade di Teheran. Mentre il parlamento iracheno chiede il ritiro dei soldati stranieri dal suo territorio

I funerali di Stato per il generale Qasem Soleimani, ucciso dagli americani venerdi in ...

Afghanistan: accordo nel sangue

Mentre in un'intervista alla tv afgana l'inviato americano racconta l'accordo di pace raggiunto coi Talebani, la guerra continua a mietere vittime da Kabul al Nord del Paese

di Giuliano Battiston e Emanuele Giordana Un’auto bomba ha colpito stanotte nel cuore della ...

Vite appese al debito di viaggio

Per lasciare il Bangladesh in molti contraggono dei debiti migratori. Un studio su patti, vite in ostaggio e diritto d’asilo

di Alice Pistolesi E’ un Paese, il Bangladesh, sul filo del rasoio. Recentemente è ...