La Pace e la Giustizia cominciano a casa nostra

"Il 9 maggio 1978 Peppino Impastato moriva a Cinisi, ucciso anche dalla mafia. Da allora lo abbiamo ucciso anche noi dimenticandoci che potevamo e possiamo cambiare, in meglio, il Mondo". L'editoriale di Raffaele Crocco

di Raffaele Crocco

Sentire parlare di Peppino Impastato per chi lo ha conosciuto, chi è stato con lui negli anni di lotta, ti stringe lo stomaco, ti fa schiumare rabbia. Ti prendono e ti portano in una specie di pellegrinaggio nei suoi luoghi, che sono anche e ancora i loro luoghi. La casa di Cinisi dove viveva con la famiglia prima che il padre – mafioso – lo cacciasse è diventata adesso sede della Fondazione. Poco più in là – esattamente cento passi, per chi ama le citazioni – il palazzo abitato da chi lo ha voluto morto, il capomafia Gaetano Badalamenti, ora sequestrato e diventato la biblioteca comunale. Poi, si va nel territorio e si arriva nel punto preciso dove lo hanno ucciso. La casa diroccata è lì, con le tracce, le prove di quell’assassinio: catturato, poi picchiato, stordito, chissà se morto prima di legargli la dinamite addosso e metterlo sui binari della ferrovia – proprio lì davanti, a cinque metri – e farlo saltare in aria.

E’ un racconto doloroso, ancora e sempre doloroso, vivo nella memoria di chi lottava con Peppino, di chi era con lui nei pomeriggi di volantinaggio o di incontro, di chi saliva per aiutarlo nelle trasmissioni di quella Radio Aut che era diventata un punto di riferimento, di denuncia, di libertà e che ha contribuito a farlo uccidere. Per chi ascolta, invece, quello che viene raccontato è raggelante, deprimente, fastidiosamente attuale. Le ragioni per cui Impastato lottava ed è morto sono ancora lì, immobili, congelate come ghiaccio in un’era glaciale. La mafia organizza e comanda in Sicilia esattamente come nel 1978. La sua capacità di infiltrarsi nella vita quotidiana di ogni persona – determinandone destino, vita sociale, affetti – è immutata. La Sicilia vive di mafia, la respira suo malgrado e lo Stato continua ad essere al massimo un luogo dello spirito, lontano e distratto come una divinità cattiva. Attorno a tutto questo, la politica è incapace ancora oggi di rispondere: la ricchezza resta distribuita in modo ingiusto e diseguale, i diritti sono solo per pochi, la società resta strutturata per censo, capacità di violenza, ricchezza.

Così, si sta immobili, davanti al luogo dove Impastato è morto e non si capisce. Non si capisce dove abbiamo sbagliato in questi assurdi 42 anni. Non si capisce perché un cambiamento che pareva possibile – perché era nelle nostre anime prima che nell’aria o nella politica – sia impallidito e scomparso, diventando un’utopia di pochi. Non si capisce perché accettiamo che la mafia, in ogni sua forma, ci rubi 130miliardi all’anno e che altrettanti vengano fatti sparire da chi si crede furbo ed evade le tasse, non rispettando le regole e la vita degli altri.

Non si capisce perché abbiamo smesso di costruire un mondo migliore. Il 9 maggio 1978 Peppino Impastato moriva a Cinisi, ucciso anche dalla mafia. Da allora, lavandoci l’anima e la coscienza in tanti pellegrinaggi, ricordandolo commossi e ammirati ogni anno, lo abbiamo ucciso anche noi, ogni giorno, dimenticandoci che potevamo e possiamo cambiare, in meglio, il Mondo.

Tags:

Ads

You May Also Like

Nato, la maxi esercitazione

La Trident Juncture 2018 è la più grande dimostrazione di forza in funzione anti Russia degli ultimi anni per l'Alleanza Atlantica. Cosa si vuole testare

Si svolge nell’Artico la più grande esercitazione militare della Nato dal 2002. La regione, ...

I mascalzoni del 2 febbraio 2020

Si è rinnovato il memorandum Italia-Libia: "Quell’intesa è esattamente come la data odierna. La si può leggere da sinistra a destra o da destra a sinistra e non cambia". L'editoriale

di Raffaele Crocco* Magari non è un caso che proprio oggi il memorandum fra ...

L’economia americana vola, e Trump canta vittoria – 1

Ma il Fondo monetario internazionale e una profetica senatrice denunciano e mettono in guardia: una crisi epocale è alle porte.

Con qualche ritardo sui tempi abituali, l’ufficio di statistica americano ha annunciato che la ...