La sfida presidenziale dopo la vittoria della sinistra in Colombia

Successo di misura sia alla Camera sia al Senato. Ma è un segnale forte per la prossima elezione del Presidente in calendario a  maggio

di Maurizio Sacchi

Gustavo Petro e Francia Márquez, alla guida del Pacto historico, la coalizione della sinistra colombiana,  hanno celebtrato  lunedì la vittoria alle elezioni politiche della Colombia.  divenendo la prima forza al Senato, superando i due partiti tradizionali, i liberali e i conservatori. La Registraduría, l’organo di controllo,  nelle sue proiezioni preliminari le ha assegnato 16 dei 108 seggi, lo stesso numero dei conservatori, e uno in più dei liberali (15). Il risultato è reso più significativo da un’altra forza alternativa, la lista della coalizione Centro Esperanza, che include l’Alianza Verde, con 14 seggi, gli stessi del declinante Centro Democrático, il partito di governo fondato dall’ex presidente Álvaro Uribe. Una vittoria che anticipa lo scontro vero: quello per l’elezione del Presidente il prossimo 29 maggio.

Alla Camera dei Rappresentanti, composta da 188 seggi e organizzata per circoscrizioni regionali, il Patto Storico è risultato la forza più votata, anche se non nel numero di seggi (32 a 25). “In una buona parte del Paese siamo al primo posto alla Camera dei deputati”, ha commentato Petro nel suo discorso, tenuto dopo la vittoria nelle primarie della sinistra, svoltasi in contemporanea alle elezioni politiche. Con più di quattro milioni di voti, esi è resa evidente  la forza territoriale del suo progetto politico. “Siamo la prima forza nel Senato della Repubblica (…)  il Patto Storico ha raggiunto il miglior risultato per il progressismo nella storia della Repubblica di Colombia”, ha aggiunto. “Siamo sul punto di vincere al primo turno presidenziale”.

Nel 2018,  Petro perse al secondo turno contro l’attuale  presidente Iván Duque, L’avanzata delle sinistre va di pari passo  con il declino del Centro Democrático, che è passato dall’essere il principale partito  del Senato, con 19 seggi, ad essere il quinto con soli 14 seggi. “Abbiamo l’aspettativa di non essere opposizione. Vogliamo essere forza di governo, e questa sarà una sfida enorme. C’è una sfida in termini di genere, di difesa di uno spazio per i giovani, di materializzazione di molte delle proposte che portiamo come progetto collettivo. Tutte le riforme che sono necessarie, alla salute, alle pensioni, ecc.”, ha spiegato Maria José Pizarro, seconda della coalizione, e possibile futura vicepresidente..

Le elezioni  presidenziali della Colombia saranno il 29 maggio prossimo, e  vi si eleggeranno Presidente e Vicepresidente per il periodo 2022 – 2026. La Colombiaè una repubblica presidenziale, e una vittoria della sinistra, dopo l’insediamento di Boric in Cile, quella di Castillo in Perù, e soprattutto in caso di vittoria di Lula in Brasile, segnerebbe una svolta storica per tutto il Sudamerica.

la foto in copertina è tratta da  Unsplash. Nel testo il Congresso colombiano

 

.

Tags:

Ads

You May Also Like

Un Atlante per i crimini di guerra

La verità sulle vittime in Bosnia Erzegovina nel periodo 1992/95. Un archivio della memoria nei Balcani

di Edvard Cucek Nell’ambito del Forum ZFD (Ziviler Friedensdienst) è stata presentata a Belgrado ...

Tigrai: la tregua non ferma le atrocità

La commissione d'inchiesta Onu smette di indagare anche se avverte che "c’è il rischio reale e imminente che la situazione peggiori ulteriormente"

Nessuna proroga: in Etiopia l’Onu non indaga più sulle violazioni dei diritti umani. Dopo ...

Etiopia-Tigrai: guerra e atrocità senza fine

Tre Agenzie Onu (Ohchr, Ocha, Oms) riaccendono i riflettori sul conflitto sottolineandone le violazioni di diritti umani, la carestia e le difficoltà nel distribuire aiuti umanitari

Nel Nord dell’Etiopia la situazione è in netto peggioramento.  Nei giorni scorsi l’Alto Commissariato delle ...