La sinistra si riprende la Bolivia

Lucho Arce del Movimiento al socialismo oltre il 50%. Morales annuncia il ritorno dall'esilio

di Maurizio Sacchi

Con un totale dell’86,63% dei voti scrutinati, il Mas-Ipsp ha il 54,10% dei consensi a fronte del 29,49% del centrista Cc (Comunidad ciudadana) di Carlos Mesa. Più indietro, Creemos, con il 14,3. Non sono ancora i risultati ufficiali delle elezioni di domenica 18 ottobre, rinviate due volte a causa della pandemia, ma è ormai certo che Luis Arce, il candidato di Movimiento al socialismo (Mas) dell’ex presidente Evo Morales, si sia assicurato più del 50% dei voti, evitando così un secondo turno di ballottaggio. Mesa ha ammesso la sconfitta lunedì 19 all’ora di pranzo, dicendo ai suoi seguaci che un conteggio veloce ha mostrato un risultato “molto convincente e molto chiaro“. “C’è un grande divario tra il candidato al primo posto e noi … e, come seguaci della democrazia, ora spetta a noi … riconoscere che c’è un vincitore in queste elezioni“.

Arce,  ex ministro delle finanze sotto Morales (nella immagine sotto), aveva precedentemente rivendicato la vittoria in una trasmissione a tarda notte da La Paz.Abbiamo reclamato la democrazia e soprattutto abbiamo reclamato la speranza“, ha detto il cinquantasettenne economista, noto come Lucho. Governeremo per tutti i boliviani … porteremo l’unità nel nostro Paese“, ha detto Arce, che dovrebbe essere nominato presidente nella prima metà di novembre. Arce ha promesso di porre fine allo stato di incertezza che ha dominato in Bolivia dall’ottobre 2019, quando le accuse di brogli elettorali contro il suo partito hanno portato a proteste di piazza e a una sorte di golpe bianco, che ha costretto Morales a lasciare il Paese, per sfuggire al rischio di essere incarcerato con l’accusa di brogli ed incitamento alla rivolta.

Fuochi d’artificio hanno celebrato la vittoria a La Paz mentre si diffondeva la notizia  sebbene una portavoce del Mas abbia invitato i sostenitori di Arce ad attendere il risultato ufficiale. “Sappiamo che ci sono grandi aspettative, ma dobbiamo rispettare le regole per fare una bella festa”, ha detto la leader Marianela Paco.Morales, che ha seguito le elezioni dall’ esilio in Argentina, ha salutato “una clamorosa vittoria” per il suo partito. “Sorelle e fratelli: la volontà del popolo ha prevalso“, ha twittato il primo presidente indigeno della Bolivia, un membro chiave della marea rosa dell’America latina che ha governato dal 2006 fino alla sua controversa deposizione, a cui sono seguite violenze e scontri in tutto il Paese andino .

Persino la sua avversaria, autoproclamatasi allora presidente ad interim, Jeanine Áñez, ha ammesso la sconfitta.Non abbiamo ancora il conteggio ufficiale, ma i dati che abbiamo mostrano che il signor Arce [ha] … vinto le elezioni. Mi congratulo con i vincitori e chiedo loro di governare pensando alla Bolivia e alla democrazia ”, ha twittato Áñez.” Evo non interferirà nel governo del fratello Luis Arce“, ha detto David Apaza, un leader del Mas a El Alto, una città sull’altopiano sopra La Paz. “Il compagno Evo Morales ai suoi tempi era l’elemento vitale, il protagonista principale … [Ma] ora crediamo che il nostro compagno debba riposare, mentre il fratello Luis Arce prende il comando“.

I membri di spicco della sinistra latinoamericana hanno celebrato il risultato. “Viva il popolo boliviano! Viva la democrazia! ha twittato Gleisi Hoffmann, presidente del Partito brasiliano dei lavoratori (Pt).Il discusso leader del Venezuela, Nicolás Maduro, ha twittato: “Una grande vittoria! Unito e consapevole, il popolo boliviano ha usato i voti per sconfiggere il colpo di stato compiuto contro nostro fratello Evo ”. A Washington, un portavoce del Dipartimento di Stato ha detto: “Stiamo aspettando i risultati ufficiali, ma il presidente Trump e gli Stati Uniti non vedono l’ora di lavorare con chiunque risulti eletto dai boliviani. Continueremo a promuovere la democrazia, i diritti umani e la prosperità in Bolivia e in tutta la regione “.

In copertina il simbolo del Mas

Tags:

Ads

You May Also Like

Accordo a Khartum

Dichiarazione congiunta in Sudan tra militari e civili per la transizione

Il generale Mohamed Hamdan Dagalo, vice capo del Consiglio militare di transizione (TMC), e ...

Se Trump assomiglia a Nixon

Diversi anni fa un presidente repubblicano si comportò esattamente come Donald Trump. Licenziò chi ...

La guerra di Fb ai curdi

Il social network di Mark Zuckerberg chiude le pagine di portali di movimento e informazione indipendente italiani che sostengono la lotta curda in Siria contro la Turchia. Oscurate Radio Onda d'Urto di Brescia, Milano In Movimento, GlobalProject, e Contropiano. A rischio anche DinamoPress e Infoaut. La denuncia dei siti coinvolti

Facebook ha chiuso le pagine di alcune testate indipendenti e legate ai movimenti sociali. ...