La terza edizione

Altre nuove schede conflitto, per un pianeta sempre più in guerra. Uno speciale dedicato a quanto è accaduto e accade nel mondo islamico, nel nord Africa. E ancora, più dati su profughi, rifugiati, sfollati e una analisi della “guerra per la terra”: sono questi alcune delle novità della terza edizione dell’Atlante delle guerre e dei conflitti del mondo, in libreria e in distribuzione a partire dal prossimo novembre.
Il volume – lo ricordiamo – è un annuario ideato da Raffaele Crocco, giornalista Rai, scrittore e documentarista e creato dall’Associazione 46° Parallelo in collaborazione con il Premio Ilaria Alpi, per le edizioni AAM Terra Nuova di Firenze. In oltre 200 pagine a colori e di grande formato, anche la nuova edizione dell’Atlante racconta lo stato delle guerre sul pianeta nell’anno 2011, con un linguaggio chiaro e accessibile a tutti. Lo scopo è quello di informare sulle guerre, sulle motivazioni che le scatenano e le alimentano, sulle conseguenze dei conflitti sulle popolazioni civili.

Anche per la terza edizione l’Atlante può contare sul contributo prezioso delle Nazioni Uniti e dell’Alto commissariato per i rifugiati che mettono a disposizione mappe geografiche, fotografie e molti dati sulle condizioni dei civili che vivono in zone di crisi. Vi è poi l’aiuto concreto di enti locali come la provincia di Trento, la provincia di Firenze, la regione Umbria ed altri enti locali.
Oltre 30 saranno le schede-conflitto anche nella nuova edizione dell’Atlante, che ripropone la sezione chiamata “Inoltre” con alcune “situazioni limite”, cioè guerre non ancora dichiarate o appena concluse.
Vi sono poi le sezioni speciali, particolarmente apprezzate dai nostri lettori, dove si approfondiscono molti temi legati alle guerre e di cui si parla ancora poco in tv e nella carta stampata. Anche quest’anno racconteremo lo stato delle missioni Onu, dei beni artistici e culturali a rischio, la situazione dei rifugiati, l’economia legata alla guerra, l’informazione nelle zone di conflitto, la condizione delle donne nei paesi in guerra.
All’interno della terza edizione poi, i lettori troveranno appunto una  novità: una sezione speciale che abbiamo chiamato “mini-Atlante”, interamente dedicata alle rivolte del mondo arabo che hanno in così poco tempo cambiato gli equilibri politici di una intera regione.
Questa sezione avrà la stessa struttura ormai collaudata del nostro Atlante, con le schede conflitto dedicate ai paesi protagonisti della “primavera araba”, fotografie, mappe e sezioni speciali di approfondimento. Anche per la terza edizione dell’Atlante la cartografia generale usata è legata alle innovative proiezioni di Peters, fornita dall’associazione Asal. Le immagini sono “frame” dei video vincitori del Premio Ilaria Alpi.
A scrivere le schede, gli articoli di introduzione per ogni continente e i rapporti, è la Redazione dell’Atlante, composta da grandi inviati e giornalisti esperti di politica internazionale, come Ettore Mo, Amedeo Ricucci, Luciano Scalettari, Angelo Ferrari, Federica Ramacci, Enzo Nucci, Michele Nardelli, Francesco Cavalli, Roberto Zichittella. La grafica è curata da Daniele Bellesi.
Il costo del volume, da novembre nelle librerie di tutta Italia, è di 20 euro.

Ordina

Tags:

Ads

You May Also Like

L’Africa è a credito

L’Africa dà più di quanto riceve. A dirlo lo studio ‘Honest Accounts 2017’ pubblicato ...

Sulla pelle della gente. Il caso Barcellona

di Raffaele Crocco È su Twitter. È un filmato breve: due poliziotti, vestiti di ...

Morti bianche nella città rossa

A Sihanoukville, in Cambogia, collassa un edificio in costruzione di sette piani e fa strage. Il segno di una guerra continua dove le vittime sono i cambogiani e le responsabilità condivise tra governo e imprenditori stranieri

di Emanuele Giordana E’ la città del “principe rosso” cambogiano Norordom Sihanouk quella che ...