La vittoria dei socialdemocratici tedeschi

Finisce l'era Merkel col peggior risultato elettorale dei cristiano democratici. Bene anche i Verdi. Male per Linke e destre. Lo dicono  I primi dati delle legislative in Germania

Secondo il conteggio ufficiale provvisorio diffuso stamattina dalla Commissione elettorale federale tedesca Il partito socialdemocratico Spd ha vinto le elezioni parlamentari in Germania.

Olaf Scholz è un politico tedesco e l'attuale candidato alla carica di Cancelliere tedesco del Partito socialdemocratico.

 La sua vittoria si basa su un  25,7% dei voti, che lo pone – anche se di poche lunghezze – davanti alla  Cdu-Csu che ha invece ottenuto il 24,1% dei voti, il peggior risultato della sua storia politica. I Verdi sono  al terzo posto con il 14,8%, seguiti dal partito liberale Fdp con l’11,5%. La forza di sinistra Die  Linke incasserebbe invece un magro risultato essendo sulla soglia del 5%.

Anche la quota di voti dell’AfD di estrema destra sembra essere diminuita a livello nazionale, ma gli osservatori fanno notare che è destinata a diventare il più grande partito negli stati orientali della Sassonia e della Turingia.

(Red/Est)

Fotonotizie è una sezione di atlanteguerre che dà conto di emergenze in sviluppo

In copertina  il sito della Spd stamattina. All’interno: Olaf Sholz candidato Cancelliere del partito socialdemocratico 

Tags:

Ads

You May Also Like

Nato, la maxi esercitazione

La Trident Juncture 2018 è la più grande dimostrazione di forza in funzione anti Russia degli ultimi anni per l'Alleanza Atlantica. Cosa si vuole testare

Si svolge nell’Artico la più grande esercitazione militare della Nato dal 2002. La regione, ...

Covid-19: luci e ombre dell’Albania

Se la piazza si muove per difendere un teatro simbolo, nelle periferie la crisi morde. Ma il governo è riuscito a contenere la pandemia facendo tesoro della lezione italiana.

di Annalisa Marzia Felicella (Ex Casco Bianco APGXXIII in Albania)* Al 14 giugno sono ...

Il futuro dell’Europa

La Conferenza sul futuro della Ue per una democrazia dal basso: per la prima volta l’Unione Europea e le sue istituzioni si mettono in discussione attraverso un confronto diretto con i cittadini e le cittadine europee per dare forma a una visione