L’Ecuador si infiamma

Proteste da una settimana  per i tagli ai sussidi al carburante. Limite di movimento dalle 20 alle 5 del mattino

Sesto giorno consecutivo di proteste in Ecuador per i tagli ai sussidi per il carburante. Proseguono  le manifestazioni che paralizzano il Paese  per una serie di riforme del lavoro e fiscali e la decisione del presidente Lenin Moreno di eliminare i sussidi per il carburante che durano da anni. Migliaia di indigeni che avevano marciato verso la capitale Quito, sono scesi in città martedì attraversando le linee di sicurezza a difesa dell’Assemblea nazionale, prima di essere poi fermati  dalla polizia. Ieri Moreno ha emesso un decreto che limita il movimento dalle 20:00 alle 5:00 ora locale intorno agli edifici governativi.

Le manifestazioni di martedì sono arrivate meno di 24 ore dopo che il presidente Moreno ha spostato la sua amministrazione da Quito dopo quasi una settimana di proteste anti-austerità che hanno paralizzato i trasporti pubblici e portato a centinaia di arresti. Sotto: un video di Globalnews del 7 ottobre

 Fotonotizie è una sezione di atlanteguerre che dà conto di emergenze in sviluppo

Nell’immagine di copertina la prima pagina di oggi del giornale ecuadoriano El Universo

Tags:

Ads

You May Also Like

Musulmani senza patria

L'India ha pubblicato  il National Register of Citizens dell'Assam che esclude  quasi due milioni di cittadini "non riconosciuti"  in maggioranza fedeli dell'islam

L’India ha pubblicato oggi il National Register of Citizens (NRC) finale: è un documento ...

Maduro presidente bis

Le elezioni arrivano al termine di un anno molto difficile per il Paese. Polemiche su astensionismo e brogli. Il "Gruppo di Lima" richiama i suoi 14 ambasciatori

Nicolas Maduro è stato rieletto presidente del Venezuela. Le elezioni del maggio 2018 arrivano ...

Gli interessi dietro il giallo del Golfo

Marina Forti analizza la cornice delle esplosioni nello stretto di Hormuz: "Nessuno ha fornito vere prove del coinvolgimento di Teheran".

di Alice Pistolesi Per due volte a distanza di poche settimane alcune petroliere sono ...