L’Ecuador si infiamma

Proteste da una settimana  per i tagli ai sussidi al carburante. Limite di movimento dalle 20 alle 5 del mattino

Sesto giorno consecutivo di proteste in Ecuador per i tagli ai sussidi per il carburante. Proseguono  le manifestazioni che paralizzano il Paese  per una serie di riforme del lavoro e fiscali e la decisione del presidente Lenin Moreno di eliminare i sussidi per il carburante che durano da anni. Migliaia di indigeni che avevano marciato verso la capitale Quito, sono scesi in città martedì attraversando le linee di sicurezza a difesa dell’Assemblea nazionale, prima di essere poi fermati  dalla polizia. Ieri Moreno ha emesso un decreto che limita il movimento dalle 20:00 alle 5:00 ora locale intorno agli edifici governativi.

Le manifestazioni di martedì sono arrivate meno di 24 ore dopo che il presidente Moreno ha spostato la sua amministrazione da Quito dopo quasi una settimana di proteste anti-austerità che hanno paralizzato i trasporti pubblici e portato a centinaia di arresti. Sotto: un video di Globalnews del 7 ottobre

 Fotonotizie è una sezione di atlanteguerre che dà conto di emergenze in sviluppo

Nell’immagine di copertina la prima pagina di oggi del giornale ecuadoriano El Universo

Tags:

Ads

You May Also Like

Haiti si ribella a povertà e corruzione

La popolazione è allo stremo: le proteste hanno provocato morti e l'interruzione del servizio idrico ed elettrico

Haiti è una polveriera: il malcontento sociale è di nuovo esploso in piazza. Dal ...

La storia infinita di Guantanamo

Un fallimento non solo militare. Un' intelligence poco intelligente. Un nodo ancora irrisolto

Ora che le truppe americane hanno lasciato l’Afghanistan tra mille polemiche va in discussione ...

Il volo di Hong Kong

La protesta popolare non si ferma e continua a bloccare uno degli aeroporti più trafficati del pianeta

Manifestanti antigovernativi sono tornati oggi all’aeroporto di Hong Kong, mentre le autorità aeroportuali hanno ...