Libertà sotto attacco: il rapporto Civicus

Nove persone su 10 vivono in Paesi in cui i diritti civili  sono severamente limitati. Anche grazie alla pandemia

Nove persone su 10 vivono in paesi in cui le libertà civili sono severamente limitate; i Paesi che fanno passi indietro nel rispetto dei diritti includono Polonia, Singapore, Nicaragua, Giordania e Sud Africa; la detenzione dei manifestanti è stata la principale violazione delle libertà civili nel 2021; il Covid19 continua a essere usato come pretesto per limitare i diritti in tutto il mondo. Sono questi i dati globali che emergono dal Civicus Monitor 2022, una piattaforma di ricerca online che tiene conto delle libertà fondamentali in 197 paesi e territori. Il nuovo rapporto, People Power Under Attack 2021, mostra che il numero di persone che vivono in paesi con restrizioni significative ai diritti civili, comprese le libertà di espressione, associazione e riunione pacifica, ammonta quest’anno a quasi l’89% della popolazione.

C’è dunque molto meno spazio per le persone per esercitare le libertà fondamentali: solo il 3,1% della popolazione mondiale vive in Paesi classificati come “aperti” e quasi due miliardi di persone vivono in Paesi con la valutazione peggiore: “chiusi”. Paesi dove le autorità sono regolarmente autorizzate a imprigionare, ferire e uccidere persone per aver tentato di esercitare le loro libertà fondamentali. Cina, Arabia Saudita, Turkmenistan e altri 21 paesi rientrano in questa categoria: Nicaragua e Bielorussia si sono uniti ai loro ranghi quest’anno. Quanto alla pandemia, dopo due anni, il virus sta avendo un impatto terribile sulle libertà civiche a livello globale, un impatto che avrà un impatto duraturo se non verranno prese misure correttive. La detenzione dei manifestanti e l’uso di leggi restrittive per imbavagliare il dissenso stanno diventando sempre più prevalenti, poiché i governi usano la pandemia per introdurre o implementare ulteriori restrizioni alle libertà civili.

Quest’anno, 13 paesi sono stati declassati e solo uno ha migliorato la propria valutazione. Preoccupazioni forti riguardano le restrizioni sullo spazio civico in Europa, dove quattro paesi hanno perso una valutazione: Bielorussia, Belgio, Repubblica Ceca e Polonia. L’Europa ha il maggior numero di paesi “aperti”, ma anno dopo anno continuiamo a vedere segnali di grave deterioramento.

Allarmante è anche il deterioramento delle condizioni dello spazio civico in Africa, dove Sud Africa, Botswana, Mali e Mozambico hanno tutti perso voti. Nelle Americhe, il Nicaragua è unito a Cuba nella categoria “chiusi”. Il Medio Oriente e il Nord Africa hanno mantenuto il loro status di regione con il peggior record di diritti civili, con la Giordania che è stata declassata a “repressa”. In Asia, anche Singapore è rientrata nella categoria dei “repressi”, mentre continua la repressione persistente del dissenso e delle voci dell’opposizione. Sebbene solo un Paese, la Mongolia, abbia migliorato la sua valutazione nel 2021, è importante evidenziare la resilienza della società civile. I governi non sono riusciti a mettere a tacere le voci alternative o a limitare il loro attivismo. Nonostante le crescenti restrizioni, la società civile ha trovato il modo di continuare a parlare e rivendicare i propri diritti.

(Red/Est)

L’immagine di copertina è tratta dal sito web di Civicus

Tags:

Ads

You May Also Like

Patrick Zaki: scarcerato ma non assolto

Lo studente egiziano verrà liberato. Non è però stato scagionato dai capi di accusa rivoltegli dal regime di Al Sisi

Ancora mi ricordo di Patrick Zaky

Incerte e insufficienti le notizie sullo  studente egiziano che  studiava in Italia arrestato al Cairo in febbraio. Una ragione in più per smettere la vendita di armi all'Egitto

di Teresa Di Mauro Sono ancora incerte e insufficienti le notizie che riguardano Patrik ...

Etiopia-Tigrai: a rischio tutta la Regione

Il conflitto interno potrebbe avere forti ripercussioni su tutta l'area. Nell'intervista a Enzo Nucci alcuni scenari e il punto sulla guerra

di Alice Pistolesi Non si ferma la guerra tra l’esercito etiope e il Fronte ...