Lo Yemen a un bivio

Ennesimo allarme dell'inviato Onu Martin Griffiths: "O si mettono a tacere le armi  o scivoleremo di nuovo in conflitti e sofferenze  che abbiamo già visto"

“O si mettono a tacere le armi e si riprende il processo politico, o scivoleremo di nuovo in conflitti e sofferenze su vasta scala che abbiamo già visto”. Nella località di Marib.” Sabato, durante una visita nello Yemen settentrionale, l’inviato speciale delle Nazioni Unite Martin Griffiths ha ribadito la sua richiesta di un congelamento immediato delle attività militari e per le parti in guerra a lavorare per una riduzione delle escrementi nei combattimenti.

Griffiths lo ha detto durante una visita di un giorno a Marib, che ha descritto come un “paradiso” in mezzo al conflitto in corso tra forze governative, sostenute da una coalizione guidata dai sauditi, e Ansar Allah, noti anche solo come Houti. Migliaia di persone sono sfollate a Merib dopo i recenti feroci combattimenti nel vicino governatorato di Al Jawf. “La settimana scorsa – ha detto ai giornalisti presenti – ho pubblicato un appello pubblico cheidendo di  congelare le attività militari. Oggi ribadisco la richiesta di un congelamento immediato e incondizionato e l’inizio di un processo di de-escalation completo, inclusivo e responsabile ”.

(Red/Est)

La fotografia in copertina è di Reem Nada per il Wfp dell’Onu. Nel testo, un’immagine dell’inviato speciale

Tags:

Ads

You May Also Like

Cina-India, scongiurato lo scontro

Sembra che siano giunti ad un accordo per scongiurare un nuovo conflitto. Da mesi ...

Nuovi “soldatini” pronti a morire

di Andrea Tomasi Bambini reclutati, fatti diventare soldati, piccoli killer. La consegna di una ...

Ucraina, la corsa di Zelensky

Portare a casa la pace con la Russia sulla questione Donbass si dimostra tutt'altro che facile

di Raffaele Crocco L’accordo, sulla carta, è lì a portata di mano. Nella realtà, ...