Messico: la guerra invisibile

Il Messico e’ uno dei paesi piu’ pericolosi al mondo, per i giornalisti e non solo. I numeri sono quelli di una mattanza, continua, silenziosa, impunita di uomini, donne e bambini.
Durante i sei anni di mandato dell’ex presidente Felipe Calderón (dicembre 2006 – novembre 2012) in Messico sono state uccise 136.100 persone, 53 persone al giorno, 1.620 al mese, 19.442 all’anno;  56 erano giornalisti.
I cartelli del narcotraffico e le altre bande criminali attive sul territorio messicano si sono resi responsabili della stragrande maggioranza di uccisioni e rapimenti e spesso hanno agito in collusione con funzionari pubblici. Continue sono state le violazioni dei diritti umani anche ai danni delle popolazioni native e dei migranti, vittime di attacchi, rapimenti, stupri e tratta di esseri umani. Anche i bambini sono vittime di questa guerra tra bande: dal 2006 al 2010 sono stati 1.685 i ragazzi, da 0 a 14 anni, uccisi dal crimine organizzato.  Di questi ben 354 erano bambini minori di un anno di età (fonte: dossier Libera “Messico la guerra invisibile”Rapporto 2013 Amnesty International).
Tijuana, citta’ messicana al confine con gli Stati Uniti, e’ uno dei luoghi piu’ pericolosi del paese. A Tijuana ha sede il settimanale di inchiesta Zeta, fondato nel 1980 da Jesús Blancornelas e oggi diretto da Adela Navarro Bello.
Scomodo, come dovrebbe essere un giornale, Zeta e’ finito nel mirino della criminalita’ organizzata per la sua indipendenza e il suo impegno contro la corruzione, pagando con la vita di molti suoi cronisti la battaglia per la liberta’ d’espressione e la verita’. Il documentario Reportero diretto da Bernardo Ruiz, racconta la storia di questo settimanale e dei suoi coraggiosi giornalisti, rompendo il silenzio sulla guerra invisibile che si combatte in Messico.

Tags:

Ads

You May Also Like

Alle origini della marcia dall’Honduras – 1

Cosa c'è dietro la carovana che dal Centroamerica tenta di raggiungere gli Usa. Deportazioni, violenza, povertà, bande giovanili, narcotraffico. La prima puntata di un’analisi su un fenomeno senza precedenti

di Maurizio Sacchi* La foto che vedete è circolata il 21 di ottobre su ...

Sandino tradito

In Nicaragua violenze, morti e desaparecidos. L'involuzione di un Paese simbolo del riscatto latinoamericano che ora scopre fosse comuni

di Adalberto Belfiore Il segretario esecutivo dell’Associazione nicaraguense pro diritti umani (ANPDH) Álvaro Leiva ...

Verso l’ultima frontiera

Cosa può accadere alla carovana centroamericana una volta al confine Usa? "Può succedere di tutto:  fra esercito e Guardia Nazionale, Trump ha creato un contingente superiore a quello mobilitato in Irak". Parla Maria Eugenia Villareal, direttrice di ECPAT Guatemala

di Maurizio Sacchi Già 1.650 km attraverso il Guatemala e fino a Città del ...