MIA 2017. Dai ragazzi un simbolo della Pace da ricostruire

Il Meeting internazionale antirazzista è stato anche l’occasione per concludere il percorso del progetto “Popoli in transito” avviato con i ragazzi del centro di SocializzAzione di Empoli gestito dall’Arci Empolese Valdelsa e al quale ha partecipato anche l’Atlante delle guerre e dei conflitti del mondo con due incontri.

Il laboratorio, partendo dal tema della guerra, ha toccato i punti della mediazione del conflitto, delle diseguaglianze e delle migrazioni.

Al Mia i ragazzi si sono cimentati in tre giorni di laboratori che hanno affrontato varie tematiche. Il laboratorio prevedeva un approfondimento sul tema dei diritti (in particolare dei bambini e degli adolescenti) seguendo il filone della Dichiarazione universale dei diritti della Persona e la Convenzione dei diritti dell’infanzia.

I ragazzi si sono concentrati sull’evidenza che il godere di certi diritti derivi anche dalle condizioni economiche, sociali e geografiche ma anche personali. I bambini dovevano immedesimarsi fino in fondo in questi personaggi e immaginare la loro vita.

Il laboratorio si è poi incentrato sui giornali e la stampa italiana. Divisi in gruppi dovevano cercare dentro le pagine di alcuni giornali situazioni ed eventi che riguardassero il tema dei diritti, che fossero esercitati o goduti, violati o difesi.

Un gioco puntava poi a stimolare riflessioni sugli stereotipi e i pregiudizi, mentre altri analizzavano il tema delle migrazioni: dopo aver disegnato una barca i bambini dovevano immaginare, la prima volta di sbarcare su un’isola deserta, la seconda in un paese straniero.

Tra i bisogni oltre a cibo, casa, vestiti, medicine e altri oggetti pratici sono emersi anche concetti “astratti” come educazione, governo democratico, protezione da abusi, possibilità di esprimere propria lingua cultura e fede, possibilità di non esser discriminati, ambiente pulito.

Il ciclo di incontri è stato riassunto dai ragazzi con una immagine: un grande simbolo della pace frantumato e intorno quattro bambini di diverse nazionalità che applicano dei cerotti sulle parti danneggiate del simbolo.

Il murales è stato realizzato con l’aiuto di un artista empolese Fabrizio Maestrelli , in arte Forma.

 

Tags:

Ads

You May Also Like

Nigeria, storia di ratti e di porcelli

di Andrea Tomasi Porcello ce l’aveva con Ranocchio: «Non dovresti andare in giro con ...

Non vincerà la paura

Di Raffaele Crocco Non può essere la paura ad arginare la libertà di idee, ...

Nigeria, l’ombra dei social sulle elezioni

Nel febbraio 2019 il Paese, in preda alla violenza, sceglierà il nuovo presidente mentre rimbalzano notizie di presunte morti e incitamenti all'odio

Sale in Nigeria l’attesa per le elezioni presidenziali di febbraio 2019. Gli oltre 80 milioni ...