MIA 2017. Eisbolè, il teatro di impegno a filosofia ‘Atlante’

Continua il viaggio di Eisbolè, il progetto  di Fa.R.M., Atlante delle Guerre e dei Conflitti nel Mondo e Associazione 46° Parallelo.

In occasione del Meeting Antirazzista di Cecina Fiamma Negri e Giusy Salis, le attrici ideatrici del progetto, hanno proiettato un primo assaggio di quello che sarà lo spettacolo che sarà portato nei teatri, nelle scuole, nei luoghi di lavoro, nelle case del popolo della Toscana. Un progetto teatrale incentrato sulla filosofia dell’Atlante.

Il progetto è nato da una squadra composta da CGIL Toscana, Fondazione Finanza Etica, Legambiente, Arci Toscana, e Anpi Firenze, e con il Patrocinio del Consiglio Regionale della Toscana​.

Eisbolè è il teatro di impegno che diventa cortometraggio e docufilm​ per tenere viva l’attenzione sul tema dei conflitti, sul fenomeno migratorio dovuto alle guerre e non solo.

“Il primo assaggio (di cui presto avremo un’anteprima, ndr) – raccontano – ha voluto affrontare in maniera ironica ed irriverente quelli che si pensa siano gli effetti della migrazione nella vita di tutti i giorni”.

Lo spettacolo sarà però un viaggio alla ricerca delle cause che portano alle guerre, alle migrazioni, partendo da storie concrete.

“Lavorare con l’ironia – continuano – serve a non rimanere imbrigliati sulle emozioni di commozioni che ci provocano immagini dure o drammatiche. Affrontare in temi con un’altra chiave, invece, speriamo riesca a far fare allo spettatore quel salto di qualità in più. Di qui il lavoro sullo stereotipo”.

Il progetto teatrale punta infatti a non essere rivolto ad un pubblico di addetto ai lavori ma a “creare una trappola narrativa che insinui il dubbio”.

La prossima tappa sarà il 7 agosto in occasione di Festambiente, il festival dell’ecologia organizzato a Grosseto da Legambiente Toscana.

In quell’occasione, dopo la visione del corto, ci sarà una chiacchierata pubblica, un momento di incontro tra i partner di Eisbolè.

Tags:

Ads

You May Also Like

Solo muri, siamo inglesi. C’è la barriera anti profugo

Calais, la barriera per impedire ai disperati di salire sui camion diretti nel tunnel della Manica, è costata 2,7 milioni di euro: denaro stanziato dal governo. Il cantiere è stato chiuso a tempo di record nell’indifferenza generale

di Ilario Pedrini Non occorre scomodare il presidente americano Donald Trump e i disperati ...

Germania-Usa: ci sarà da discutere

Chi si aspettava un ritorno di fiamma fra Germania e Stati Uniti, dopo la burrascosa parentesi Trump, dovrà rimanere deluso. Un nuovo articolo de Il Fendinebbia

Le mani del Che

A 50 anni dalla scomparsa di Ernesto Che Guevara l’Atlante delle Guerre e dei ...