Miliardi di dollari in cluster bombs

Quando la politica internazionale dei trattati e l’economia finanziaria non vanno di pari passo.

Sono infatti 119 le nazioni ad aver aderito alla Convenzione del 2008 contro le munizioni a grappolo ma negli ultimi quattro anni sono 166 le istituzioni finanziarie ad aver investito in aziende che producono queste armi.

A dirlo il rapporto ‘Worldwide investements in cluster munitions a shared responsability’ presentato il 23 maggio a Tokyo dall’associazione PAX, ONG con sede nei Paesi Bassi membro della Cluster Munition Coalition, e riportato dalla rete italiana per il Disarmo, Controllarmi.

Gli investimenti per sei aziende con sede in Cina, in Corea del Sud e negli Stati Uniti si stimano da ottobre 2009 a marzo 2017 in 31 miliardi di dollari.

Ad oggi infatti molti stati, produttori di armi e di alcune loro componenti non hanno firmato la convenzione. Tra questi troviamo Stati Uniti, Russia, Cina, India, Israele, Pakistan e Brasile.

Le cluster bomb hanno effetti devastanti sulle popolazioni civili e hanno la caratteristica di provocare morti, feriti e mutilati anche per decine di anni anche dopo la fine dei conflitti.

Le bombe a grappolo rimangono infatti ‘aggrappate’ per poi cadere successivamente al lancio, anche dopo anni.

In Italia dalla ratifica della Convenzione sulle Munizioni Cluster la Campagna Italiana contro le mine e la Rete Italiana per il Disarmo hanno promosso e supportato l’iter del disegno di legge ‘Misure per contrastare il finanziamento delle imprese produttrici di mine antipersona, di munizioni e submunizioni a grappolo’.

Il Ddl 4096, dopo la sua approvazione al Senato si trova ora in attesa di essere calendarizzato per la votazione alla Camera dei Deputati oppure di essere rinviato di nuovo in Commissione Finanze.

Tags:

Ads

You May Also Like

Yemen, la guerra ignorata

Progetti, numeri e azioni nella "catastrofe umanitaria più drammatica del mondo"

di Stefano Bocconetti Numeri contro. I primi sono quelli che raccontano di Al Gharbi, ...

Urne aperte in Nicaragua

Daniel Ortega alla ricerca del quarto mandato in una corsa elettorale viziata da un "asfissiante stato di polizia", esacerbato dal Governo di Managua proprio in vista dell'appuntamento elettorale.

La spina militare nel fianco del Myanmar

Sotto accusa la guerra e l'esercito della fragile democrazia asiatica. La denuncia di Amnesty e le sanzioni di Londra mentre gli uomini in divisa si autoassolvono

Amnesty Internationl, il governo britannico, le associazioni della società civile: tutte contro Tatmadaw, come ...