Mobilitazione umanitaria al confine

Alla violenza greca la ong Intersos risponde avviando un team di emergenza nella zona di Evros

Gli atti di violenza e disumanità al confine tra Grecia e Turchia richiedono una straordinaria mobilitazione umanitaria. L’incredibile violenza della Grecia nei confronti dei profughi siriani si svolge a suon di scontri di lancio di fumogeni e candelotti stordenti in direzione del confine turco, di pestaggi di giornalisti nella speranza di far tacere la stampa.

Per portare una risposta a chi ha più bisogno, la ong Intersos si sta muovendo con un team di emergenza nella zona di Evros, al confine settentrionale tra Grecia e Turchia. “La vita – scrive l’organizzazione non governativa partner dell’Atlante delle guerre – di esseri umani in condizione di vulnerabilità non può diventare merce di scambio e mezzo di pressione politica nel gioco di potere tra gli Stati, così come non può essere accettata senza rispondere la deliberata violazione delle norme fondamentali del diritto umanitario internazionale e della Convenzione sui rifugiati”.

Quello che sta succedendo al confine è, secondo la ong, la conseguenza diretta del disastroso accordo sui migranti siglato da Unione Europea e Turchia nel 2016 e di una politica di ricatti ed esternalizzazione delle politiche migratorie.  La missione in partenza si unisce a quella attiva in Grecia dal 2016 nei campi di accoglienza nati nell’area tra Salonicco e il confine macedone.  In Grecia Intersos gestisce appartamenti ed edifici nelle aree urbane delle due città e una struttura più grande, “Agia Eleni”, specializzata nell’assistenza di persone con gravi vulnerabilità.

Tags:

Ads

You May Also Like

Terroristi in Mozambico

Il Nord del Paese e sempre più vittima di violenza:le multinazionali del petrolio chiedono aiuto al governo e il Presidente chiede rinforzi ai russi

Il Mozambico è ancora vittima di attacchi. Almeno sette persone, secondo media locali e ...

Il contagio della svolta autoritaria

Il  pretesto della pandemia mette in pericolo la democrazia in molti Paesi.  E in Europa il modello è guidato dall'Ungheria di Viktor Orban che agisce quasi indisturbato

di Maurizio Sacchi e Salvo Secondini Adottando misure dichiarate “di emergenza”  per affrontare il ...

Proclamata l’autonomia della Cirenaica in Libia: uno schiaffo al Cnt

A quattro mesi dalla fine della guerra contro Gheddafi la Cirenaica è stata proclamata ...