Myanmar. Senza un posto dove andare

Il fotoreportage di questo mese dall'interno di un Paese in fiamme

I Karenni la violenza la conoscono bene. Per quasi 70 anni, questa minoranza etnica nello stato montuoso di Kayah, al confine orientale del Myanmar, è stata vittima di oppressione e brutalità perpetrata dai militari birmani. Quando nel febbraio 2021 l’esercito ha ripreso il potere con un colpo di stato, era solo una questione di tempo prima che riprendesse la sua vecchia strategia di terrorizzare i civili per combattere i gruppi etnici armati che gli si opponevano. Bombardamenti, torture, lavori forzati e saccheggi sono solo alcune delle ragioni per cui le persone fuggono ad est, costruendo campi di fortuna in mezzo alle montagne al confine con la Thailandia, che non sembra avere alcuna intenzione di modificare i propri rapporti con i militari Birmani, non importa se macchiati di crimini contro l’umanità. Per quanto lontana dai riflettori, si tratta di una crisi umanitaria a tutti gli effetti: con il Covid-19 che si diffonde, la violenza che continua senza sosta, gli aiuti umanitari bloccati dal governo militare birmano, l’acqua che scarseggia nelle foreste e la Thailandia che respinge i rifugiati al confine, decine di migliaia di persone si trovano in pericolo di vita….

Inizia così il fotoreportage dall’interno del Myanmar di Niccolò Barca che pubblichiamo oggi: vai al reportage

Tags:

Ads

You May Also Like

La Corea testa i missili. Trump: “Tutto OK”

Dopo la fine del Trattato sulle armi balistiche, una nuova generazione di armamenti è pronta a volare

  di Maurizio Sacchi La Corea del Nord ha lanciato il 10 agosto un ...

L’eredità della guerra in Laos

I laotiani non possono dimenticare il conflitto nel Vietnam degli anni Settanta che li coinvolse facendo diventare la loro terra il Paese più bombardato al mondo. Un passato che pesa ancora. Reportage

Dal nostro inviato nel Sudest asiatico Emanuele Giordana Nong Khiaw (Nord Laos) – Da Nong ...

Usa-Cina: una nuova Guerra fredda?

Le due superpotenze sono ai ferri corti e, anche al loro interno, devono fare i conti con posizioni più o meni intransigenti. Un'analisi aspettando il nuovo tavolo di trattative

di Maurizio Sacchi Il 24 maggio, dopo l’allarme seminato dal blocco Usa su Huawei ...