Non vincerà la paura

Di Raffaele Crocco

Non può essere la paura ad arginare la libertà di idee, di pensiero, di espressione o giudizio. Non può essere il terrore a condizionare il pensiero. Non può essere l’omicidio a omologare la fede.
A ciò che è accaduto oggi in Francia, con l’assalto omicida dei fanatici religiosi alla redazione di Charlie Hebdo, bisogna rispondere subito, tutti assieme, senza incertezze. Bisogna rispondere continuando a raccontare ciò che vediamo, esprimendo ciò che vogliamo, disegnando, fotografando, dipingendo ciò che riteniamo utile. Bisogna rispondere continuando a permettere a chiunque di raccontare ciò che vede, esprimere ciò che vuole, mostrare ciò che ritiene utile.
E’ la libertà in gioco. E’ l’idea di una umanità libera da pregiudizi, superstizioni, religioni omicide e killer frustrati vestiti da idealisti. E’ il principio che ogni essere umano ha diritti suoi, personali, che non possono essere soffocati da alcun demente rappresentante di un dio.
Ciò che dobbiamo tenere salde, far vincere, sono le idee per cui abbiamo lottato per secoli. Quello su cui non possiamo trattare sono i principi che abbiamo difeso da dittatori pazzi e chiese sanguinarie, che abbiamo coltivato con i libri, i giornali, le discussioni, che abbiamo alimentato nelle case, con i figli, gli amici, i fratelli. Non possiamo far vincere i fucili, non possiamo cercare mediazioni con la follia. Mai come questa volta la ragione sta saldamente e solo da una parte: la nostra.

Tags:

Ads

You May Also Like

Le macerie di Ghazni

Sembra ormai conclusa la battaglia ingaggiata dai talebani nella città afgana. Ma resta la dimostrazione di forza e un bilancio di centinaia di morti e feriti. Mentre guerriglia e americani trattano

di Emanuele Giordana La battaglia di Ghazi, durata cinque giorni e con un bilancio altissimo ...

Hamas-Fatah, cosa prevede l’accordo

Una prima traduzione dell’accordo tra Hamas e Fatah, riportata dal sito web Time of ...

La legge che accoglie i bimbi migranti

I bambini migranti soli non potranno essere ‘rimandati indietro’. La proposta di legge è ...