Oggi se ne è andato Raffaele Masto

Raffaele è che ci credeva. Credeva che fare giornalismo fosse una cosa seria.

La cosa che ricordo di Raffaele è che ci credeva. Credeva che fare giornalismo fosse una cosa seria. Credeva che raccontare ciò che si incontrava e vedeva e scopriva, fosse importante per far capire – almeno a chi voleva – dove fosse il giusto e dove l’ingiusto. Credeva che la parte buona in cui stare fosse quella delle persone, degli esseri umani, soprattutto di quelli abbandonati e dimenticati.

Raffaele Masto era un bravo giornalista. Era un bravo militante. Era una brava persona. Ci siamo sfiorati spesso con lui, noi dell’Atalante. E ogni volta abbiamo condiviso idee e progetti, ci siamo confrontati e divertiti. Per noi ha scritto, ha partecipato a incontri, ha suggerito idee. Per tutti, dalle pagine di riviste o dalle frequenze di Radio Popolare, ha raccontato cose, posti e persone che altri non hanno visto o voluto vedere.

Ha raccontato l’Africa facendola diventare vicina, viaggiandoci dentro come fosse la sua casa, la nostra casa, amandola e rispettandola.

Se ne è andato in un giorno di marzo strano, di questo 2020 che ha poco capo e nessuna coda.

E’ un peccato. C’era ancora così tanto da fare…

Ciao Raffaele

Tags:

Ads

You May Also Like

Rdc: in fuga dal conflitto

Torna la violenza nell'Ituri tra le comunità Hema e Lendu, mentre nel Nord Kivu l'esercito attacca il gruppo Adf

Due attacchi nelle Regioni Orientali della Repubblica Democratica del Congo hanno provocato decine di ...

Turchia, i diritti in cantina

di Andrea Tomasi La Turchia di Erdogan, scampato in poche ore al colpo di ...

Africa avvelenata anche dai pesticidi

di Andrea Tomasi C’è un modo raffinato per uccidere gli africani. Si trova in ...