Overshoot Day, da oggi i conti del Pianeta sono in rosso

di Raffaele Crocco

Dal 1 agosto funziona così: se mangiate una mela, mordete un fico, tagliate una bistecca, bevete dell’acqua, in realtà state mangiando, mordendo, tagliando e bevendo cose del futuro, del prossimo anno. E’ l’Overshoot Day, ragazzi, il giorno in cui finiscono le risorse della terra per l’anno e iniziamo – per sopravvivere – a consumare quelle del prossimo.

E’ una data che arriva sempre prima, questa. Nel 2017 era stata il 2 agosto, nel 2016 l’8. A calcolarla è il Global Footprint Network, un’organizzazione internazionale di ricerca.

Insomma, la verità è che “siamo in rosso”, incapaci di risparmiare e buoni solo a spendere, in questo caso risorse naturali. Così, consumeremo più di quello che la Terra è in grado di rigenerare e, ad esempio, emetteremo più CO2 di quanta i mari del mondo e le foreste riescano ad assorbire.

Un disastro? Sì, lo è. Allo stato attuale, consumiamo 1,7 pianeti l’anno, entro il 2030 ne consumeremo 2. Il dato – come tutti i dati medi – però è falso. Anche qui ci sono i ricchi e i poveri e i ricchi sono quelli che naturalmente consumano di più. Gli statunitensi, per dire, usano 5,5 Terre all’anno. Gli indiani, solo 0,7 ed è interessante vedere come quella che noi consideriamo “maggiore ricchezza” sia anche la “maggiore capacità di rapina” del Pianeta.

Il bello è che sappiamo benissimo cosa servirebbe per evitare di andare in rosso. I campi d’azione sono quattro: città, energia, cibo e popolazione Dovremmo cambiare dieta, limitare – non vietare – l’uso delle auto, tagliare le emissioni nel settore energetico e arriveremmo a guadagnare addirittura dei mesi.

L’obiettivo è tornare ad avere un bilancio alla pari il 31 dicembre di ogni anno. Come in una famiglia sana e normale. Come in una famiglia che non ha figli e figliastri, ma tutti sono alla pari, senza fame e malattie a tormentarli e con  la certezza di avere un futuro.

Tags:

Ads

You May Also Like

E’ finito il tempo di sottovalutare Trump

di Raffaele Crocco Credo sia semplicemente sbagliato stupirci. Penso sia stupido rifugiarci in un ...

Un calcio al razzismo? L’ipocrisia degli Europei

Inginocchiarsi per aderire al Black Lives Matter in occasione dei quarti di finale  non si può fare per rispettare “scelte e posizioni personali”. Come se essere razzisti o meno fosse una posizione personale e non una scelta fra essere criminali  o no. L'editoriale del direttore dell'Atlante

di Raffaele Crocco Ora si possono unire i punti, come nei giochi che propone ...

I giorni della locusta

Le sicurezza alimentare di 20milioni di persone sta subendo gli effetti di una combinazione tra il conflitto dello Yemen e il cambiamento climatico, che sono alla base degli anormali sciami degli insetti

di Elia Gerola Gli Stati del Corno d’Africa sono soggetti alla più grave invasione ...