Pakistan, sposarsi per forza diventa un gioco

di Ilario Pedrini

Il matrimonio forzato è «un matrimonio in cui uno o entrambi gli sposi non consentono (o, nel caso di adulti con disabilità cognitive o fisiche, non possono consentire) al matrimonio e viene esercitata una costrizione. La costrizione può includere la pressione fisica, psicologica, finanziaria, sessuale ed emotiva». È questa la definizione ufficiale della Forced Marriage Unit britannica.

Nel mondo sono 60 milioni i matrimoni forzati: 60 milioni all’anno. Ci sono 146 Paesi dove le ragazze possono sposarsi al di sotto dei 18 anni. Sono 52 quelli in cui il matrimonio è consentito prima di compiere i 15 anni. «Ma anche dove la legge lo impedisce, si verificano casi limite di matrimoni combinati con bambine di 8 o 10 anni» scrive Repubblica.

Il fenomeno, a seguito delle immigrazioni, riguarda anche i Paesi occidentali. «In Italia si parla di 2mila ragazze, nate nel nostro Paese, costrette a sposarsi nello Stato di origine. E ogni giorno 20mila ragazze sotto i 18 anni diventano madri nei paesi del sud del mondo: le minori di 15 anni che partoriscono sono ogni anno 2 milioni su un totale di 7,3 milioni di madri adolescenti; se la tendenza attuale si confermerà, il numero di nascite da ragazze sotto i 15 anni potrebbe salire a 3 milioni l’anno nel 2030».

I dati sono stati resi noti nel 2015. Sono emersi dalla ricerca «Avevo 12 anni quando è venuto un uomo a chiedere la mia mano: Spose e madri bambine come fenomeno globale» promossa dal Gruppo parlamentare Salute globale e diritti delle donne e da Aidos, Associazione italiana donne per lo sviluppo.

Il caso del Pakistan. Quello delle spose bambine è un fenomeno che ha raggiunto livelli degni di nota: riguarda il 24% (dati dell’Unicef). Il 3% arriva al matrimonio prima dei 15 anni, il 21% tra i 15 e i 17. «I genitori – si legge sul Corriere della Sera – sono spesso poveri e fanno questa scelta anche per provvedere alla sicurezza economica delle figlie, specialmente nelle zone rurali dove ci sono per loro scarse opportunità. I matrimoni per ripagare debiti o risolvere dispute sono illegali ma restano una pratica comune».

Il gioco per evitare il matrimonio combinato. Una ragazza pakistana di 24 anni ha affrontato la questione in maniera frontale, buttandola sul ridere, sul gioco. Nashra Balagamwala ha inventato un gioco da scatola tipo Monopoli dedicato proprio ai matrimoni combinati. Si chiama «Arranged» (combinato). Ha carte, pedine, regole. L’obiettivo è quello di evitare un’unione decisa dalla famiglia con un uomo che si è potuto conoscere solo qualche settimana prima. Un’unione per sempre da cui fuggire a gambe levate. Le giocatrici sfuggono all’aspirante marito e soprattutto alla zia, il sensale dei matrimoni, tradizionalmente incaricata di trovare il promesso sposo.

Come è nato il gioco della fuga dal «sì» imposto. «Ho preso esempio dalle numerose cose che ho fatto per evitare io stessa un matrimonio combinato, come parlare di voler avere una carriera, indossare falsi anelli di fidanzamento, avere amici maschi, o abbronzarmi, la pelle scura è considerata meno attraente nella cultura pakistana – racconta la ragazza all’Agi – L’intento è quello di divertirsi a giocare così come di aprire gli occhi (…) Non potevo accettare il fatto che dovessi passare il resto della mia vita con qualcuno che ho conosciuto solo per un paio di settimane e che era stato scelto per me sulla base di ricchezza, status sociale e altri fattori superficiali».

Il percorso. Nashra Balagamwala aveva 18 anni quando ha preso un’aereo per andare a studiare New York, alla Rhode Island School of Design. Ha avuto inoltre la possibilità di lavorare per la società di giochi Hasbro e quindi ha lanciato l’idea di «Arranged». Lo ha promosso su Kickstarter «per ottenere l’investimento iniziale previsto di 6mila dollari, ha conquistato oltre 300 sostenitori, raggiungendo quasi 16mila dollari. Con quei soldi, Nashra pensa di poter realizzare almeno 500 giochi da tavolo nella prima produzione».

 

http://www.repubblica.it/solidarieta/diritti-umani/2015/06/23/news/matrimoni_precoci-117538155/

https://www.agi.it/estero/matrimonio_combinato_gioco-2166397/news/2017-09-19/

http://www.corriere.it/esteri/16_marzo_04/pakistan-sposa-bambina-10-anni-sfugge-nozze-salvata-polizia-fb4c36d6-e22c-11e5-b31b-034bb632a08d.shtml

foto tratta da https://www.pri.org/stories/2015-09-29/pakistani-film-dukhtar-shows-what-mother-will-sacrifice-her-child dove si parla del film «Dukhtar»

Tags:

Ads

You May Also Like

L’importanza di un bicchier d’acqua

Tre nuovi progetti dell'Ong trentina Acav per l'emergenza profughi nel Nord dell'Uganda. Dove per ogni residente c'è anche un profugo dalla guerra in Sud Sudan

Facile come bere un bicchier d’acqua. E’ un detto che non è così scontato ...

La griglia irachena e il voto

di Ilario Pedrini «In Iraq oltre 4 milioni di bambini hanno subito le conseguenze ...

Amazzonia, si spera nella magistratura

di Ilario Pedrini Forse c’è speranza per la foresta amazzonica. Un giudice brasiliano ha ...