Profughi, il blocco franco-tedesco

di Tommaso Andreatta

Serve un sistema di asilo europeo. Lo dicono a giorni alterni i leader dei vari Paesi dell’Ue. L’emergenza profughi è sempre più emergenza. Al Parlamento europero Elly Schlein (Alleanza Progressista dei Socialisti e Democratici) è nel gruppo di chi più si è impegnato per coinvolgere tutti gli attori nella soluzione del problema.

A parole sia Germania che Francia sembrano tese a spingere sulla riforma di Dublino. Ma nei fatti? Emmanuel Macron e Angela Merkel dicono di voler riscrivere le regole di Schengen.

Il leader francese – descritto nelle scorse settimane come un super europeista – ha fatto fughe in avanti in materia di campi per profughi in terra africana e in materia di grande industria: azioni politiche, le sue, in difesa degli interessi nazionali.

E adesso «puntano a un sistema più elastico che permetta agli Stati di blindare i propri confini senza troppi vincoli “in caso di crisi migratoria”. Con tanti saluti alla libertà di circolazione, uno dei quattro pilastri su cui si regge l’Unione europea» scrive La Stampa.

E ora, tra Francia e Italia, rischiano di nascere nuovi dissidi dopo quelli sulla questione libica e sui cantieri navali di Saint Nazaire.

In sostanza Macron vorrebbe evitare che l’Italia venisse usata come un corridoio per permettere ai migranti di salire al Nord. «Serve cooperazione con i Paesi vicini che oggi, è bene dirlo, sono inadempienti». E ancora: «Circa la metà delle persone che chiedono asilo in Francia ha già visto respingere la propria domanda in un Paese europeo vicino. Ciò è frutto di una disfunzione che abbiamo in Europa e a cui bisogna porre rimedio».

Marco Bresolin cita i dati dell’analisi di rischio 2017 di Frontex: «La Francia è stata colpita da un crescente numero di migranti arrivati dall’Italia attraverso movimenti secondari».

Il rapporto, che incrocia le richieste d’asilo con i database di Eurodac, parla di 11 mila attraversamenti illegali nel 2016, pari a «un incremento del 156% rispetto all’anno precedente».

Insomma la Francia, appoggiata dalla Germania, ma anche da gran parte dei Paesi Ue (fra cui quelli che hanno chiuso i porti ai migranti) dicono che le regole di Schengen debbano essere cambiate. E non si parla di redistribuire le persone in fuga, come chiederebbe invece, ad esempio, l’europerlamentare italiana Elly Schlein.

«Il tempo a disposizione non è molto perché a novembre scade l’ultima proroga concessa dalla Commissione ad Austria, Germania, Danimarca, Svezia e Norvegia (che non fa parte dell’Ue ma è nell’area Schengen) per consentire i controlli ai confini».

«A novembre un’ulteriore proroga non sarà più possibile. A meno che non si cambino le regole. Da qui l’iniziativa franco-tedesca (…) Ora però Macron vuole poter chiudere i propri confini per frenare i movimenti secondari dall’Italia: “Con la Germania vogliamo che il sistema Schengen sia modificato per permettere di ristabilire i controlli in caso di crisi migratoria”. Ventimiglia e il Fréjus rischiano di rimanere blindate a lungo».

 

foto tratta da http://www.belfasttelegraph.co.uk/news/world-news/macron-and-merkel-pledge-to-work-on-road-map-of-reforms-for-eu-35717244.html

http://www.lastampa.it/2017/07/29/esteri/macron-piano-con-la-merkel-per-riscrivere-schengen-S0nChvuEscUErIUk2XliXN/pagina.html

Tags:

Ads

You May Also Like

Covid-19, come orientarsi

Un breve saggio (gratuito) per saperne (scientificamente) di più sul Coronavirus. E martedi l'aggiornamento del nostro dossier

Martedi prossimo 14 aprile troverete nella sezione dossier l’aggiornamento del nostro Piccolo Atlante di ...

Armi italiane, export senza crisi

Nella Relazione al Parlamento prevista dalla legge 185/90: la vendita del comparto militar-industriale del Belpaese si attesta su 5,2 miliardi di euro di autorizzazioni e 2,5 mld di trasferimenti definitivi nel 2018. Oltre il 70% delle licenze singole finisce a Stati non EU e non NATO. L'analisi di Rete Disarmo e un commento di Opal

  Oltre il 70% delle licenze singole italiane per la vendita di armi finisce ...

Nigeria, la guerra a Twitter di Buhari

Il Presidente del Paese più popoloso dell'Africa oscura il social network. E punta a sostituirlo con un clone locale e addomesticato